Brescia, un impegno tira l’altro: c’è Trieste sulla strada della Germani

Credit: Ciamillo & Castoria

Credit: Ciamillo & Castoria

Priva di TJ Cline, costretto a sedersi in tribuna dopo il fastidio muscolare accusato mercoledì scorso, Brescia recupera Kalinoski e si prepara ad affrontare la partita con la voglia di mostrare un passo avanti rispetto alle partite giocate fino a oggi

Tornano ad accendersi le luci del PalaLeonessa A2A, pronta a ospitare il posticipo della quarta giornata di campionato tra Germani Brescia e Allianz Pallacanestro Trieste.

Contro un’avversaria che si è storicamente dimostrata sempre ostica e che si è già segnalata come una delle sorprese più positive di inizio stagione, la Germani cerca un successo che possa dare continuità al risultato positivo maturato a Treviso e cancellare le ombre scese dopo la sconfitta di Bar, seppur maturata in una competizione e in un contesto completamente diversi.

Priva di TJ Cline, costretto a sedersi in tribuna dopo il fastidio muscolare accusato mercoledì scorso, Brescia recupera Kalinoski e si prepara ad affrontare la partita con la voglia di mostrare un passo avanti rispetto alle partite giocate fino a oggi, con la consapevolezza che il percorso è appena iniziato ma anche che avere un atteggiamento positivo non può che aiutare a mettere a frutto l’incessante lavoro compiuto in palestra, unica via per puntare al meglio nel più breve tempo possibile.

Germani Brescia-Allianz Pallacanestro Trieste si gioca domenica 18 ottobre alle ore 20.45 al PalaLeonessa A2A di Brescia.

L’ordinanza della Regione Lombardia numero 620 del 16 ottobre 2020 ha fissato in 200 il numero massimo di spettatori che è possibile ospitare sugli spalti. Alla luce di questo provvedimento, la società ha interrotto la vendita dei biglietti che era stata attivata nella giornata di venerdì scorso.

Da quando è tornata in Serie A, Trieste ha dato sempre del filo da torcere alla Germani Brescia. Nelle quattro partite disputate nel corso delle ultime due stagioni, infatti, la squadra giuliana è riuscita a spuntarla in tre occasioni, non andando molto lontano dal poker assoluto.

Il 9 febbraio scorso, infatti, nell’ultima partita di campionato disputata prima della sospensione del torneo, la Germani riuscì a spuntarla dopo aver accumulato uno svantaggio di 16 lunghezze nel corso della partita. A 2″ dalla sirena finale fu una schiacciata in contropiede di Awudu Abass a decidere la partita e a infrangere un tabù che ancora una volta sembrava sul punto di confermarsi.

Diverso, invece, l’esito maturato due anni fa al termine della gara tra le due formazioni, con Trieste capace di banchettare al PalaLeonessa (77-85) in un’annata al termine della quale la squadra di Dalmasson fu capace di conquistare da neopromossa la qualificazione ai playoff.

L’Allianz Trieste non solo ha cambiato pelle nel corso dell’estate, rivoluzionando in grande parte un roster nel quale sono rimasti solo Cavaliero, Fernandez, Da Ros e Coronica, ma è stato costretto a un sostanzioso ritocco anche negli ultimi giorni a causa degli infortuni che hanno costretto ai box Myke Henry, Daniele Cavaliero e Ike Udanoh, senza dubbio le colonne più importanti su cui era stata costruita l’impalcatura della squadra biancorossa.

Di fronte a questi inconvenienti, la dirigenza giuliana non ci ha pensato due volte prima di tornare sul mercato, arrivando a firmare addirittura tre pedine nuove: il play Federico Mussini, il centro argentino Marcos Delía, lo scorso anno a Bologna sponda Virtus, e la guardia slovena Jakob Cebasek.

Quella che si presenterà al PalaLeonessa, dunque, sarà un’Allianz molto diversa da quella che ha disputato un’ottima Supercoppa italiana, con tre vittorie all’attivo, e che iniziato alla grande il campionato (netta vittoria in casa con Cremona e blitz vincente a Sassari), ma anche profondamente diversa rispetto quella che ha incassato una sonora sconfitta casalinga per mano dell’Olimpia Milano.

La strada che porta da Brescia a Trieste è stata sempre particolarmente affollata negli ultimi anni. L’ultimo in ordine di tempo ad averla percorsa è stato Tommaso Laquintana, che ha lasciato Brescia dopo due stagioni positive trascorse all’ombra del Cidneo e dalla scorsa estate ha iniziato a condividere il ruolo di playmaker con un altro ex bresciano.

Il ruolo di play titolare dell’Allianz, infatti, è ancora appannaggio di Juan Fernandez, che nel corso della propria carriera ha accumulato due esperienze con la maglia della Leonessa, la seconda delle quali era culminata con la promozione in Serie A nel giugno del 2016.

Anche Eugenio Dalmasson, coach di Trieste, vanta un rapporto particolare con la provincia bresciana, visto che nel corso della propria carriera ha allenato a Montichiari dal 1991 al 1993 e a Lumezzane dal 2001 al 2006.

Il mese di ottobre della Germani Brescia assomiglia vagamente a un ottovolante, che gira vorticosamente senza fermarsi mai. La gara con Trieste, infatti, è la quinta che la squadra di Vincenzo Esposito gioca dall’inizio del mese, a testimonianza del fatto che il doppio impegno lascia poco tempo per gustarsi le vittorie e per metabolizzare le sconfitte.

Dopo la partita giocata in Montenegro contro il Mornar Bar, la vittoria ottenuta a Treviso sembra lontanissima nel tempo, anche se in realtà dal blitz al PalaVerde non è ancora passata una settimana. In queste condizioni, cercare di prendere il bene da ogni partita e lavorare sodo per migliorare gli aspetti che funzionano di meno diventa una sfida complicata e stimolante al tempo stesso.

Per dirla con le parole della vigilia di coach Esposito, la Germani deve imparare ad adattarsi più in fretta agli avversari che si trova di fronte praticamente ogni 72 ore, considerando che per costruzione del roster, talento, stazza fisica e per altri fattori – come la fatica delle trasferte e il tipo di arbitraggio in campo, ad esempio – le gare di campionato e quelle di EuroCup sono lontane anni luce l’una dall’altra.

La partita tra Germani Brescia e Allianz Pallacanestro Trieste sarà diretta da Tolga Sahin di Messina, Martino Galasso di Siena e Giulio Pepponi di Spello (PG).

La sfida del PalaLeonessa A2A sarà visibile in diretta televisiva sugli schermi di Rai Sport HD (ch. 57 del digitale terrestre) e sarà disponibile anche in streaming su Eurosport Player. Come di consueto, sul sito di Pallacanestro Brescia si potrà seguire l’andamento del match nel consueto Live Blog.

Fonte: Ufficio stampa Brescia.

Commenta