Brescia, Magro: “Vorremmo che il PalaLeonessa diventasse il nostro fortino”

Credits Ciamillo-Castoria
Credits Ciamillo-Castoria

Le parole alla vigilia della sfida di oggi pomeriggio contro Napoli

“Quella con Napoli è una partita del tutto particolare, non solo perché è la seconda gara che giochiamo in casa, ma anche perché dopo tre sconfitte di misura dobbiamo in tutti i modi cercare di smuovere la classifica – spiega in conferenza stampa Alessandro Magro, coach della Germani Brescia alla vigilia del match di oggi contro Napoli -. Sarà una partita fondamentale come tutte quelle che giocheremo di fronte al nostro pubblico. Vorremmo che il PalaLeonessa diventasse il nostro fortino: ci aspettiamo che il palazzo sia pieno, che la gente sia disposta a soffrire con noi per portare la barca in porto, anche se è nostro dovere cercare di coinvolgere il pubblico attraverso il nostro livello di energia e aggressività. Per noi giocare in casa deve essere un valore aggiunto, come lo è stato in passato. Ricordo che quello di Brescia è sempre stato un pubblico estremamente onesto ma anche molto caldo”.

“Ci aspetta una partita complicata: grazie al recupero di un giocatore importante come Rich, Napoli è cresciuta molto rispetto alla squadra che abbiamo incontrato nel girone della Supercoppa italiana – prosegue l’allenatore toscano -. Ricordiamo benissimo come è andata la partita in casa contro di noi, forse l’unica in cui abbiamo giocato solo 20′ prima di prendere un break incredibile e per certi versi inspiegabile, e poi la partita che abbiamo vinto sul loro campo. Loro però sono cambiati molto, facendo un’ottima prestazione casalinga con Milano, giocando una partita estremamente positiva con Reggio Emilia e centrando la vittoria in casa con Treviso”.

“Forte della vittoria di domenica scorsa, in questo momento Napoli è un po’ più in fiducia di noi – conclude Magro -. È una squadra che riesce a mettere in campo un potenziale offensivo incredibile con il quintetto base e ha un’anima difensiva importante, garantita dai giocatori italiani che escono dalla panchina e che portano alla causa un livello di energia molto alto. Sarà un importante banco di prova, durante il quale dovremo mantenere la concentrazione su tutti i 40′ “.

Commenta