Bostic: Brindisi gruppo solido con idee precise. Reggio? Non era la situazione giusta per me

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Le parole di Bostic che parla dell'addio a Reggio Emilia: Non era il mio ambiente e io non ero il giocatore migliore per loro.

Joshua Bostic è reduce dalla sua migliore prova in Italia nel successo della Happy Casa Brindisi contro la Virtus Bologna.

Il giocatore americano, arrivato a Brindisi da poche settimane dopo aver iniziato la stagione a Reggio Emilia, ne ha parlato con Piero Guerrini di Tuttosport.

Inserimento a Brindisi.

Sono professionista da oltre 10 anni, so come fare.Studio le situazioni. Capisco l’ambiente. Brindisi è una grande squadra che vinceva già prima del mio arrivo. Ho manifestato loro la piena disponibilità a dare ciò che serve alla squadra. Ho parlato con Frank Vitucci, gli ho detto che sarei stato come l’acqua, in quel gruppo. Ma è stato facile, è un gruppo solido con idee precise.

Reggio Emilia.

Non ho nulla contro Reggio, spero anzi vada bene al club. Semplicemente non era la situazione giusta per me. E io probabilmente non ero adatto alle loro necessità. Nella vita ho capito che non si può essere perfetti per ogni situazione. Il basket è anche un affare. Non era il mio ambiente e io non ero il giocatore migliore per loro.

Frank Vitucci.

A me ha trasmesso fiducia, dimostrandomi di averla. Permette di giocare anche attraverso gli errori. Ma è molto diretto, precisa E’ molto onesto. Ha un suo sistema, però ti concede libertà e sa ascoltare. A volte per coinvolgerti chiede anche un’opinione”.

Commenta