Basile su Belinelli: “Inopportuno prendere il numero di un compagno. Primo amore non si scorda mai”

Credits Ciamillo-Castoria
Credits Ciamillo-Castoria

L'ex stella della Fortitudo ha parlato della scelta dell'ex compagno a La Provincia.

Intervista con La Provincia per Gianluca Basile, che è tornato a parlare dell’arrivo di Marco Belinelli alla Virtus Bologna, notizia della settimana del basket italiano.

“La sua promessa? Era la dichiarazione di un ragazzo di 21 anni, alla quale non andava dato troppo peso. Comunque io non l’avrei mai fatta una scelta del genere di firmare per la Virtus. Anche se, ribadisco, la mia storia e la mia figura di fortitudino sono totalmente diverse dalle sue. Tra l’altro, Marco è cresciuto nelle giovanili della Virtus e il suo debutto in serie A è avvenuto proprio con quei colori. E, come ben sappiamo, il primo amore non si scorda mai… Il prendere il numero di maglia di Abass? In effetti non è una bella immagine che dà di sé uno che si presenta per la prima volta nello spogliatoio. Inopportuno. Io avrei soprasseduto, forse perché non mi sono mai sentito legato a un numero. Vero che ho spesso avuto il 5, ma per esempio quando sono venuto a Cantù ho ripiegato sul 55 perché non sarei mai andato da Micov per chiedergli di rinunciare al suo 5 a favore mio. E così è stato anche l’anno dopo a Milano. Insomma, io avrei lasciato il 3 ad Abass”, ha detto Basile.

Fonte: La Provincia.

Commenta