Baraldi: Non capisco perché non ci si possa fermare uno o due mesi

Baraldi: Non capisco perché non ci si possa fermare uno o due mesi

L'AD delle V nere: Credo che in questo momento manchino le tre condizioni che ritengo fondamentali per fare sport. Mancano l’aspetto sociale, quello etico e quello economico

Le dichiarazioni di Luca Baraldi, AD della Virtus Bologna, in una intervista con TG Regione Emilia Romagna.

Via Bolognabasket.org:

Noi eravamo d’accordo anche a marzo di interrompere il campionato, non eravamo d’accordo sul terminare e annullare la stagione. Credo che in questo momento manchino le tre condizioni che ritengo fondamentali per fare sport. Manca l’aspetto sociale, non abbiamo il pubblico e non si riesce a dare soddisfazione alla tifoseria e non si creano neanche le condizioni per i giocatori, che non vivono la partita come dovrebbero e questo è dimostrato anche dal fatto che mai come quest’anno abbiamo vinto tante partite in trasferta. Manca l’aspetto economico, non abbiamo ragioni, da questo punto di vista, per giocare: il calcio sotto questo aspetto ne ha di ragioni, perché i contributi economici permettono di vedere partite anche da casa. Ci facciamo solo del male non avendo introiti economici, anche davanti agli sponsor. Manca poi l’etica: tutti i club di Serie A hanno avuto e hanno giocatori positivi, chi più chi meno e andando in giro continuiamo a far circolare il virus. Non parlo solo dei giocatori ma anche dei dirigenti, degli accompagnatori, del personale di ogni società: mettiamo a rischio loro e le loro famiglie. Non capisco, dunque, perché non ci si possa fermare uno o due mesi aspettando che questo lockdown a colori che stiamo facendo in Italia faccia effetto, per poi riprendere, trovando magari format diversi per finire la stagione regolarmente.”

Anche il derby risentirà di questa situazione: “Il derby di BasketCity vive nelle stesse difficoltà e lo dico da squadra che giocherà in trasferta; la Fortitudo per la seconda volta in un anno verrà penalizzata e sappiamo cosa voglia dire il fattore campo nel derby. Mancherà il sale del derby, il pubblico: qui a Bologna le partite dell’anno sono i derby, nient’altro. In un ambiente di quasi anonimato andremo a svilire uno degli eventi più importanti del basket italiano. La partita che ha avuto più audience a livello televisivo per il basket italiano è ancora il derby di A2.”

Fonte: BolognaBasket.

Commenta