Alle 20.45 l’Happy Casa Brindisi con l’Allianz Pallacanestro Trieste

Foto Ciamillo
Foto Ciamillo

Happy Casa Brindisi – Allianz Pallacanestro Trieste (ore 20.45, Rai Sport HD, Eurosport Player e Discovery +)

Happy Casa Brindisi – Allianz Pallacanestro Trieste (ore 20.45, Rai Sport HD, Eurosport Player e Discovery +)

È tempo di Gara 1 dei playoff tra Brindisi e Trieste, la squadra di coach Vitucci ha concluso la stagione regolare al secondo posto nella classifica di Serie A UnipolSai, quella di coach Dalmasson ha centrato la qualificazione chiudendo come settima.

PRECEDENTI: Brindisi è alla quinta qualificazione ai playoff, la seconda consecutiva ed è alla ricerca della prima vittoria in una serie playoff. Sconfitta negli ottavi di finale nell’edizione del 1981, Brindisi ha poi perso nei quarti nelle successive tre partecipazioni (2013/14, 2014/15 e 2018/19). Per la Happy Casa è arrivato il nuovo record di punti in classifica, chiudendo con 40 punti ha superato il record di 36 realizzati nella stagione 2018/19 e 2013/14. Trieste è alla seconda edizione nelle 3 stagioni giocate in Serie A (compresa la stagione interrotta per COVID l’anno scorso), nella prima apparizione è stata sconfitta dalla Vanoli Cremona in quattro gare. In entrambe le edizioni Trieste è entrata in tabellone con la posizione numero 7. Le due società si sono affrontate 6 volte in Serie A, cinque in campionato e una nei quarti di finale di Coppa Italia di questa stagione e Brindisi è sempre uscita vincitrice.

ALLENATORI: 5 le edizioni di playoff a cui ha già partecipato Vitucci, 28 gare totali con 12 vittorie sulle panchine di Imola, Avellino e Varese oltre che Brindisi. Massimo risultato ottenuto la Semifinale giocata con Varese nell’edizione 2013 persa contro la Montepaschi Siena. Dalmasson ha guidato Trieste nell’edizione 2018/19, nell’unica serie giocata da Trieste.

DICHIARAZIONI: ecco le parole del coach triestino Dalmasson:

“I playoff sono sicuramente la vetrina più importante dopo una stagione complessa e difficile per tutti. Trieste in quest’anno ne ha passate tante e coronare mesi di lavoro con questo epilogo è il riconoscimento più vero e giusto che ci potevamo aspettare. In un campionato decisamente molto equilibrato (dovuto anche ai problemi che trasversalmente hanno colpito tutte le squadre) abbiamo raggiunto uno storico settimo posto a pari punti con Treviso, dietro alle cinque corazzate del campionato”.

Fonte: Legabasket.

Commenta