Ainge: Darò l’ok solo a trade che possano fare la differenza per il nostro team

Periodo nero per il team guidato da Stevens, con ben 14 sconfitte nelle ultime 21 sfide disputate.

I Boston Celtics si trovano probabilmente nel momento peggiore degli ultimi anni, con un record di 15 vittorie in 32 partite, e ben 14 sconfitte nelle ultime 21 sfide disputate.

Danny Ainge è ben consapevole della situazione, e, ai microfoni di 985thesportshub, rivela il suo piano per provare a dare nuova energia al team.

“Raramente ci sono trade a un mese dalla deadline, ma stiamo parlando con diverse squadre, e in un paio di occasioni siamo arrivati vicini a concludere. Solo il tempo dirà se riusciremo nel rostro intento. Di certo non ho intenzione di fare una trade solo per il gusto di farla, darò l’ok solo a trade che possano fare la differenza per il nostro team”

Sui possibili obiettivi.

“Dobbiamo migliorare il supporting cast intorno a Jayson Tatum e Jaylen Brown. Abbiamo bisogno di più punti dalla panchina, di talenti dinamici che giochino con più spavalderia e sicurezza, che non siano ‘sottomessi’ a Jaylen e Jayson, ma che riescano a completarli”.

Il N.1 del Front Office dei ‘verdi’ ha spiegato che per diversi motivi sarebbe più semplice utilizzare nella prossima offseason la Trade Exception da circa 28.5 milioni generata dalla sign and trade che ha portato Gordon Hayward agli Hornets.

Inoltre Ainge ha escluso problemi con Brad Stevens o le due giovani star: “Stiamo giocando in maniera terribile, questa è la mia opinione….Non è giusto prendersela con Jay e Jay, sono giovani e stanno ancora imparando cosa serve per vincere in questa lega. Queste avversità fanno parte del loro percorso di crescita e sviluppo, non saranno perfetti ma li adoro…”

Fonte: 98.5Thesportshub.

Commenta