Zach Lavine, incontro a tu per tu con Boylen: Mi ritengo uno dei leader della squadra

Domenica, dopo l'incontro solo giocatori e quello con i coach, LaVIne ha parlato privatamente con Jim Boylen

Dopo che i giocatori dei Chicago Bulls hanno pensato a boicottare l’allenamento di domenica, Zach LaVine ha parlato privatamente con coach Jim Boylen cercando di riportare il sereno ins quadra.

“Ènecessario parlare chiaro con le persone, senza zone d’ombra. Mi ritengo uno dei leader di questa squadra” ha detto Zach LaVine. “Volevo portare al coach le parole di tutti” ha aggiunto la guardia. “Èlavoro, non è una dittatura. Siamo tutti degli adulti quindi tutti hanno voce in capitolo.”

Sabato sera i giocatori dei Bulls si sono scambiati messaggi per valutare di saltare l’allenamento della domenica perché frustrati dalla decisione del coach di cambiare in un colpo solo i cinque titolari e le seguenti critiche sulla partita imbarazzante effettuata dai suoi atleti.

Dopo l’idea iniziale di saltare l’allenamento, i giocatori si sono ritrovati all’Advocate Center per una riunione solo giocatori a cui ha fatto seguito un incontro con gli allenatori a cui hanno partecipato anche il presidente John Paxson ed il GM Gar Forman.

Dopo questi meeting, Zach LaVine ha parlato separata sede con coach Boylen.

Nel corso del secondo incontro di domenica è stata anche valutata l’ipotesi di creare un comitato di direzione tale da fare da tramite tra i giocatori e gli allenatori.

Al termine degli incontri la figura di Jim Boylen è uscita rafforzata anche foraggiata dal management che vuole un cambio di marcia e di cultura all’interno della franchigia.

Nel corso del secondo meeting domenicale, Boylen ha detto ai giocatori che non era sua intenzione fare un allenamento duro quanto una sessione leggera.

“Ho la prerogativa di cambiare anche idea” ha detto l’allenatore che nei programmi iniziali voleva fare un allenamento duro con i suoi giocatori.

Fonte: ESPN.

Commenta