Walter De Raffaele: Brescia la squadra più in condizione insieme a Sassari

Walter De Raffaele: Brescia la squadra più in condizione insieme a Sassari

Coach Walter De Raffaele ha presentato in conferenza stampa la sfida con la Germani Brescia

Coach Walter De Raffaele ha presentato in conferenza stampa la sfida con la Germani Brescia in programma al PalaLeonessa di Brescia sabato 4 gennaio alle 20.30 (diretta su Eurosport 2 e Eurosport Player).
“Brescia è la squadra che, insieme a Bologna e Sassari, credo sia maggiormente in condizione in questo momento. È un roster con tanta qualità, che sta disputando un’ottima stagione, con grande merito, sia per quanto riguarda il campionato italiano che in EuroCup, in cui tra l’altro sarà in gruppo con noi nella seconda fase. È una squadra con idee, e questo credo che sia per grande merito di coach Esposito, con tanti giocatori importanti, che sono il nucleo storico, soprattutto nella quota degli italiani, con Vitali, Sacchetti e poi il sempreverde Moss.
A questi sono stati aggiunti americani di qualità, per recitare un ruolo da protagonista e, ripeto, Brescia meritatamente occupa questa posizione. Gioca una pallacanestro fatta di ritmo, di tante soluzioni, e in casa naturalmente può usufruire della spinta del proprio pubblico. Gioca una pallacanestro anche molto fisica, per cui noi dovremo impattare questa fisicità in ogni situazione di uno contro uno, perché il livello dello scontro fisico sarà molto alto. Ma potrebbe fare la differenza anche la capacità di conquistare secondi possessi.
Ed è inutile dire che per noi è una partita importante, perché potrebbe voler dire, oltre a due punti conquistati in trasferta, anche la certezza della Coppa Italia, un traguardo a cui teniamo, e anche dare continuità ai risultati delle ultime giornate. Quindi, pur giocando contro un’ottima squadra, dobbiamo affrontare questa partita con la consapevolezza di poter fare la partita, perché abbiamo la capacità, l’esperienza e anche la qualità per andare e giocare una gara molto matura, al di là di quel che dirà il campo, che è comunque sempre il giudice supremo”.

Fonte: Ufficio Stampa Reyer Venezia.

Commenta