Vitucci: ‘Cercato di fare del nostro meglio, alla lunga la stazza fisica ha fatto la differenza’

Vitucci: ‘Cercato di fare del nostro meglio, alla lunga la stazza fisica ha fatto la differenza’

Il coach di Brindisi commenta la sconfitta di Milano

Soddisfatto per il primo tempo e per l’atteggiamento dei suoi coach Vitucci: “Commento una gara in cui abbiamo cercato di fare del nostro meglio, fatto bene nei primi due quarti subendo nel terzo quarto, fisicamente con la grande differenza di taglia e talento. Sapevamo che giocavamo contro i migliori del campionato, una partita da interpretare dall’inizio alla fine in maniera perfetta. Abbiamo fatto una buona partita, alla lunga si sono viste le differenze anche con la loro panchina, questo ha fatto la differenza, basta vedere i punti arrivati dalle loro seconde linee. Alla lunga per noi è diventato molto complicato restare in partita, è subentrato un momento di frustrazione che ha concesso loro di strappare la partita. Nonostante tutto nell’ultimo quarto abbiamo cercando di recuperare, combattendo. Dal punto di vista dell’impegno ed attitudine una gara positiva, contro grandi squadre come queste si vede ancora di più su cosa devi lavorare. Torneremo in palestra dalla prossima settimana, il nostro precampionato finisce qua visto l’impegno quasi proibitivo che abbiamo affrontato. Gaffney può essere un opzione da 5 tattico, dobbiamo imparare ad usarlo meglio anche perché oggi l’abbiamo coinvolto poco. Èun opzione da valutare, anche sul lato difensivo. Abbiamo anche Wojciechowski che è molto indietro nella preparazione ed ha pochi allenamenti nelle gambe. Brown ha ovviamente sofferto qualcosa stasera, contro giocatori e taglie da EuroLeague. Clark e Zanelli hanno avuto un bel battesimo, un esordio contro un talento come Mike James. Clark fisicamente non era al meglio causa piccolo problema fisico di questa settimana, abbiamo bisogno che la sua esperienza di crescita sia veloce e che si adatti il più presto possibile a questo tipo di gioco. La squadra dipende molto da lui, i momenti positivi e negativi durante la partita partono da lui. Banks è indubbiamente il riferimento della squadra, non solo tecnico ma anche di carisma e leadership. Per lui è stato faticoso, con Milano che ha alternato diversi difensori, alla lunga l’ha sofferto. Dobbiamo essere bravi a coinvolgere anche gli altri, in modo tale che lui possa rifiatare quando non è al 100%”.

Commenta