Virtus Valmontone: Torna Manuel Carrizo

L'argentino classe 1980 sarà agli ordini del suo ex compagno di squadra Alex Righetti

Virtus Valmontone è lieto di comunicare l’avvenuto accordo per il ritorno, in maglia bianconera, dell’atleta italo-argentino Manuel Carrizo.

Nato a Buenos Aires nel 1980, Carrizo era già stato a Valmontone nella stagione 2016/2017, quella della storica partecipazione alle Final Eight di Coppa Italia di categoria e ai play off che gli era valso fra i tifosi il soprannome di “Presidente”.

Con la maglia argentina ha disputato i mondiali Under 21 del 2001. Approdato in Italia, ha vestito le maglie di Sassari, Veroli, Venezia, Ferentino, Latina, Casalpusterlengo e Palestrina.

Nel corso della sua lunga carriera italiana, Carrizo ha vinto diversi campionati di B: Veroli (2007), Ferentino (2012), Latina e, da ultimo, Cassino (2018). E’stato, inoltre, MVP della Coppa Italia di categoria 2012/2013, vinta con la maglia di Latina.

«Ho scelto di tornare – ha detto Carrizo – perché conosco la società che è molto seria. La squadra proverà ad essere competitiva, perché ho avuto come compagno di squadra il nuovo coach Alex Righetti e so quanto ci tiene e quanto è preparato. Ma soprattutto perché mi ha chiamato il G.M. Paolo Moretti con cui ho già lavorato insieme e ci lega un bel rapporto anche al di fuori dall’ambito della pallacanestro».

Con quali motivazioni torni a Valmontone?
«Le motivazioni sono sempre le stesse – ha aggiunto – la passione per questo sport e alla base di tutto ma soprattutto, per me, è una grande sfida provare a 39 anni ad essere in grado di competere con ragazzi molto più giovani, questo mi stuzzica tanto. Mi aspetto grande voglia di lavorare, di creare un bel gruppo che sarà, sicuramente, la nostra forza visto che giochiamo in un girone tanto competitivo. Mi aspetto di continuare ad imparare e di aiutare, con la mia esperienza, i più giovani. Ma soprattutto spero di raggiungere gli obiettivi che ci porremo con la squadra e di godermi ogni partita ed ogni allenamento perché amo giocare questo sport».

Commenta