Bologna vince 82-79 al termine di un match sempre in equilibrio contro Torino

Bologna vince 82-79 al termine di un match sempre in equilibrio contro Torino

Seconda vittoria consecutiva in casa per la Virtus, per Torino invece 4 sconfitta in fila

Vince la Virtus Bologna 82-79 contro Torino, una partita per gran parte in equilibrio. Dopo un ottimo avvio dei padroni di casa, la Fiat si è rimboccata le maniche ed ha dato filo da torcere ai ragazzi di Sacripanti. Non è però bastato alla squadra di coach Brown che lascia il PalaDozza da perdente ed è la quarta consecutiva. Per Bologna si tratta invece della seconda vittoria interna dopo quella con Cantù una settimana fa. Migliori in campo Aradori e Punter da un lato (34 punti in due), Poeta (15+6 rimb) e Carr (15+7 rimb) dall’altro.

Palla a due vinta da Bologna, che deve però aspettare il secondo giro per realizzare. Inizio scoppiettante di Aradori che firma i primi 7 punti bianconeri, mentre per Torino trovano il fondo della retina Cusin, Taylor e Rudd che mettono insieme 5 punti. Sale in cattedra anche Punter, e la Virtus inizia a prendere le distanze. Poeta e Wilson segnano dal pitturato, ma gli avversari conducono 22-11 grazie ad un parziale di 8-0. Jaiteh appoggia, poi Carr signa quattordicesimo e quindicesimo per la Fiat. Torino paga però troppi errori e lo scarso impegno difensivo, vero anche che i padroni di casa stanno tirando con buone percentuali, e le Vu Nere chiudono il primo periodo sopra 26-15.

Il secondo quarto si apre con un break interno di 4-0, l’Auxilium da invece l’idea di voler ricucire rapidamente. Il duo Carr-Wilson ne fa 5 in pochi secondi ma Taylor e Punter rispediscono tutto al mittente. Al giro di boa, con l’appoggio al vetro di Carr, è +10 per la Virtus (38-28). Una palla persa costa alla Segafredo la tripla dell’ex Jamil Wilson, Sacripanti vuole parlarci su e chiede il suo primo timeout. Il minuto non cambia però la situazione, anzi la volge a favore del gruppo di Larry Brown che si porta sotto solo di 5 lunghezze. Qvale deposita due facili, M’Baye prova di volare sopra al ferro ma Delfino lo blocca con una stoppata regolare e la tripla di Poeta manda alla pausa lunga sul 44-42.

La terza frazione inizia a rilento e Taylor (Virtus) dalla lunga distanza manda a bersaglio i primi 3 del quarto dopo 1’30”. Le due squadre si rispondono colpo su colpo, Bologna è in panne proprio come nella seconda metà del quarto precedente e Torino mette mattoncino dopo mattoncino senza però passare davanti. Punter perde palla e in contropiede Taylor (Torino) regala il vantaggio gialloblù. M’Baye relizza con “and one”, Pajola mette una “bomba” e in un amen è nuovamente con il muso avanti la truppa di Sacripanti. Dopo la terza sirenza, 61-58.

Jaiteh appoggia il -1, ma immediatamente Taylor realizza da tre. I bianconeri  provano a prendere le distanze portandosi a +5, in seguito al libero di Baldi Rossi e i due di Kravic, allora Brown chiama timeout con 7’sul cronometro alla sirena finale. Cusin affonda a due mani il -5, Poeta segna dalla media, poi un’interferenza a canestro e i piemontesi sono lì 74-73 con tre giri di orologio al termine. Aradori dalla linea della carità fa 1/2, ma M’Baye è repentino e conquista altri due liberi mandandoli a segno entrambi. Carr riavvicina i suoi, ma sempre il 24 in maglia bianconera realizza un punto a cronometro fermo. Taylor (Virtus) piazza una tripla pesantissima, anche se nulla è deciso perché mancano 5” e Bologna è avanti 82-79 con l’ultimo possesso che sarà dell’Auxilium. Non va a bersaglio la tripla di Delfino per impattare e si chiude così l’incontro.

Commenta