Virtus Arechi Salerno: nota della società sugli arbitri dopo gara-1 contro Chieti

Virtus Arechi Salerno: nota della società sugli arbitri dopo gara-1 contro Chieti

La nota di Salerno

 

Tanto rammarico per il risultato finale che ha visto la Virtus Arechi Salerno cedere nel primo atto della
semifinale playoff del campionato di Serie B Old Wild West al cospetto di un’ottima Teate Basket Chieti, ma
al contempo orgoglio e consapevolezza al netto di una prestazione che ha visto la compagine cara al patron
Nello Renzullo offrire un’ottima prestazione nel corso dei primi quaranta minuti andati in scena in quel del
PalaTricalle.
Tutto questo ma non solo ha raccontato il match inaugurale di una serie che prometteva equilibrio ed
emozioni alla vigilia e che spettacolo sarà certamente in grado di garantire fino in fondo. Ed allora –
proprio alla luce dello spettacolo che la pallacanestro può e deve garantire ad ogni latitudine – dispiace
dover prendere atto di una gestione della contesa da parte dei direttori di gara che non è parsa tale da
salvaguardare il primo atto di una serie che legittimamente può essere considerato come un vero e proprio
spot per la nostra pallacanestro.
Lungi dal voler sottostimare i meriti evidenti che hanno consentito alla Teate Basket Chieti di ottenere un
successo maturato in una cornice di pubblico assolutamente meravigliosa, la Virtus Arechi Salerno ritiene di
aver subito diverse situazioni nel corso dei quaranta minuti di gioco di gara-1 che non possono né devono
passare sottotraccia.
Malgrado tutto ciò – e da questa ferma consapevolezza la squadra è pronta a ripartire in vista di un
secondo episodio della serie che saprà certamente emozionare i tanti appassionati del nostro sport – i
ragazzi di coach Orlando Menduto sono stati in grado di gettare il cuore oltre l’ostacolo, impattare nel
punteggio a quota ottantanove senza tuttavia avere la possibilità di giocarsi fino in fondo le proprie chance
di vittoria alla luce dell’ennesima decisione arbitrale che – nell’estratto video allegato – rende ogni ulteriore
commento assolutamente superfluo.
La storia recente di questi ultime due stagioni agonistiche insegna che la società Virtus Arechi Salerno mai
ha espresso rimostranze nei confronti della classe arbitrale, chiamata sempre e comunque in causa ma
determinante in relazione al ruolo tutt’altro che elementare che è chiamata a svolgere.
Inoltre, è ferma convinzione della scrivente società ribadire quanto i meriti sportivi di un successo
conquistato sul campo siano sempre e comunque da ricondurre ai protagonisti che lavorano in maniera
impeccabile per far sì che tali successi possano maturare. Mai e poi mai, insomma, gli alibi sono stati una
prerogativa di un’organizzazione sportiva all’interno della quale, sempre e comunque, superare i propri
limiti è il mantra da cui partire e verso il quale virare.
Tale presa di posizione è dunque motivata da evidenze che non possono che lasciare insoddisfatti al netto
di quanto accaduto non più tardi di ventiquattro ore fa. Riconosciuti una volta di più i meriti all’ottimo
avversario che la Virtus Arechi Salerno ha l’opportunità di affrontare, l’auspicio è che quella già citata
parola “spettacolo” applicata allo sport più bello del mondo possa tornare di stretta attualità in relazione a
quanto queste due fantastiche compagini sono evidentemente in grado di offrire tanto in campo quanto
sugli spalti.

Commenta