Varese, ufficiale la firma di Toney Douglas

Varese, ufficiale la firma di Toney Douglas

L’ex Knicks approda ufficialmente in maglia biancorossa.

La Pallacanestro Openjobmetis Varese è felice di annunciare l’avvenuto ingaggio del giocatore Toney Douglas, che ha firmato un contratto che lo legherà al club biancorosso fino al termine dell’attuale stagione sportiva. Douglas è un giocatore di grande esperienza che, nel corso della sua carriera, ha dimostrato solidità difensiva oltre che una consistente efficacia in attacco.

Andrea Conti, general manager Pallacanestro Openjobmetis Varese: «Avevamo la necessità di colmare il vuoto lasciato dalla partenza di Clark e, in poco tempo, siamo riusciti a trovare la disponibilità di Toney che ha fin da subito mostrato interesse ed entusiasmo. Riteniamo sia un profilo che ben si sposa con le caratteristiche richieste dallo staff tecnico e siamo certi che possa essere utile per il rush finale».

La carriera
Toney Bernard Douglas nasce a Tampa, in Florida, il 16 marzo del 1986, ma cresce in Georgia, a Jonesboro, dove si trasferisce giovanissimo con i genitori e dove muove i primi passi nel mondo della pallacanestro mostrando le sue qualità fin dalla High School. Trascorre gli anni del college tra Auburn University e Florida State University chiudendo l’anno da senior con 21.5 punti, 4 rimbalzi e 3 assist a partita, numeri che gli valgono la chiamata dei Los Angeles Lakers che lo scelgono al numero 29 del Draft del 2009, salvo poi cederlo ai Knicks, con i quali fa il suo esordio in NBA. Tra i professionisti, Douglas disputa oltre 400 partite in otto stagioni vestendo anche le canotte di Houston, Sacramento, Golden State, Miami, New Orleans e Memphis. Nel dicembre del 2017 approda in Europa, nelle fila dell’Efes Istanbul dove trova, tra gli altri, l’ex biancorosso Bryant Dunston. Nel 2018-2019 firma con Sakarya, ma finisce l’anno con il Darussafaka mettendosi in mostra anche in EuroLeague (quasi 15 punti e 4 assist di media in 20 partite giocate). Ha iniziato l’annata in Spagna nelle fila dell’Estudiantes.

Commenta