Universiade di Napoli 2019. L’Italia batte la Norvegia 70-53, domani sfida la Germania per i quarti

Quattro giocatori in doppia cifra per gli azzurri, guidati dai 12 di Cucci

Napoli. Si rialza la Nazionale Universitaria. Dopo il ko nell’esordio contro il Canada, gli Azzurri di coach Andrea Paccariè si sono imposti sulla Norvegia 70-53. Quattro gli Azzurri in doppia cifra: Cucci 12 punti, Longobardi, Marcon e Mussini 11 punti. In contemporanea, il Canada ha sconfitto la Germania 80-61 portandosi in vetta del Girone D.

Domani, contro la selezione tedesca, terza e ultima partita della prima fase. Servirà tutta la spinta del PalaBarbuto, annunciato al limite del sold out, per arrivare alla vittoria che vale l’accesso ai Quarti.

Le parole di coach Paccariè: “Partita dura doveva essere e partita dura è stata. Grande prestazione emozionale da parte dei ragazzi, che ci permette di sperare ancora nell’accesso ai Quarti. Non è stata una partita bellissima, abbiamo avuto ancora delle sbavature. Ma abbiamo giocato con cuore, ritrovando anche giocatori che ieri avevano avuto un passaggio a vuoto. Il Canada si è confermato squadra davvero forte, battendo ampiamente anche la Germania”.

Dentro Visconti e fuori Beretta, con capitan Cucci nel ruolo di pivot. Coach Paccariè apporta un cambio rispetto allo starting five del match contro il Canada. Subito Mussini protagonista, con un assist per Mascolo e due triple consecutive. Il primo break dell’Italia, 12-3 dopo 4’di gioco, è frutto anche e soprattutto di una difesa attenta e aggressiva (4 possessi recuperati, altrettanti canestri segnati). Longobardi e Picarelli mettono a segno punti di ottima fattura, ma la Norvegia rosicchia gap e Dolven sulla prima sirena firma il -3 (21-18).
Distanze invariate per i primi 5 minuti del secondo periodo, poi la tripla di capitan Cucci e la magia in penetrazione di Marcon valgono il +8 Azzurro (33-25), e conseguente time-out chiamato da coach Eckhoff. L’Italia continua ad aumentare le distanze negli ultimi due minuti di gioco, e Cucci griffa il massimo di +14 (43-29), prima della chiusura del primo tempo sul 43-30.
Longobardi, già fra i più efficaci nei venti minuti iniziali, conferma di essere in partita segnando dall’angolo la tripla del 48-35, risultato congelato per ampi tratti del terzo periodo. Poi la Norvegia trova il parziale di 7-0, chiuso da Marcon con i 5 punti consecutivi per il 53-43 dell’ultimo intervallo. Non c’è spazio per distrarsi. Gli Azzurri, trainati ancora da Marcon e Longobardi, non rischiano mai, fino al +17 conclusivo.

Il tabellino
Norvegia-Italia 53-70 (18-21, 12-22, 13-10, 10-17)
Norvegia: Lorange 9 (2/2, 1/4), Larsson 6 (2/3), Haugen (0/3, 0/1), Frey 16 (4/8, 1/8), Dyb Berg 2 (1/2), Selboe, Kolstad 6 (0/1, 2/6), Dolven 7 (2/5), Aslesen, Lamo 3 (0/1, 1/2), Lybaek 4 (1/1). All. Eckhoff
Italia: Mussini 11 (1/6, 3/8), Grande 7 (1/2, 1/5), Da Campo (0/1, 0/1), Picarelli 3 (1/1 da tre), Visconti 2 (0/1, 0/5), Longobardi 11 (3/8, 1/4), Marcon 11 (5/6), Mascolo 8 (4/9, 0/2), Cucci 12 (3/5, 2/3), Gellera, Beretta 5 (2/4), Demetrio. All. Paccariè
Tiri da due Nor 12/26, Ita 19/42; Tiri da tre Nor 5/21, Ita 8/29; Tiri liberi Nor 14/19, Ita 8/15. Rimbalzi Nor 28 (6 Dyb Berg), Ita 37 (8 Longobardi). Assist Nor 11 (8 Frey), Ita 18 (7 Mussini).
Arbitri: Todey (Usa), Fuska (Slk), Spurlock-Welsh (Usa)

Fonte: FIP.

Commenta