Troppo Trapani per Agrigento: il derby è granata

Troppo Trapani per Agrigento: il derby è granata

Finisce 90 a 70 con la squadra granata sempre avanti in un derby scoppiettante

La gara inizia scoppiettante con le squadre che non risparmiano. Il primo quarto è intraprendente, con percentuali alte e gioco veloce. Miaschi sugli scudi realizza più del solito grazie ai tiri dalla lunga distanza. Ambrosin realizza da tre allo scadere un miracolo e riporta la squadra di Ciani sul -1 (23-22).
Trapani inizia benissimo nel secondo quarto con un parziale di 7 a 0 grazie all’ottima intensità agonistica. Agrigento prova la reazione con Souza. Trapani, però, continua a martellare e Czumbel porta i granata sul massimo vantaggio (+11, 39-28). Ayers realizza da due, Souza risponde dalla lunga distanza. Agrigento con Fontana e nuovamente Souza rientra bene e chiude il quarto sul 42 a 35.
Renzi riporta Trapani sul +10, Pullazi azzanna la partita e Miaschi è letale: il break è servito e Ciani chiama immediatamente time out sul 51 a 35 con un parziale di 9 a 0 aperto. Gli arbitri non fischiano un 24’ e le proteste di Parente lo portano ad un fallo tecnico. Trapani però non subisce la spinta, Agrigento prova a rientrare con due triple ma Miaschi riporta i granata sul +11 (55 a 44). Per la prima volta il derby rallenta leggermente, per più di due minuti non realizza finche Mollura non segna in penetrazione (59-47). Sosa realizza dalla lunga distanza, Nwohuocha segna il suo ottavo punto e Guariglia chiude il quarto con due liberi (61-52).
Simone Pepe rompe il ghiaccio nell’ultimo quarto, Clarke e Nwohuocha però rispondono. I granata continuano ad insistere con un Curtis Nwohuocha indiavolato sia in attacco che in difesa. I ragazzi di coach Ciani ci provano, ma i granata rispondono colpo per colpo. Cannon ci prova (76 a 62) ma Pullazi con una tripla ricaccia immediatamente la Moncada indietro.
Clarke chiude definitivamente la partita dopo che subisce un fallo antisportivo per uno sgambetto: due liberi e tripla dalla rimessa successiva, azione da 5 punti che, di fatto, uccide la partita (84-66). C’è tempo anche per i giovanissimi: Basciano, figlio del presidente della Pallacanestro Trapani, realizza da tre al suo debutto in A2. Finisce 90 a 70.

Foto di Francesco Vivona

[pb-game id=”404582″]

Commenta