Trento vince 71-65 contro una Virtus inarrendevole che paga il primo quarto

Trento vince 71-65 contro una Virtus inarrendevole che paga il primo quarto

Inizio in sesta per Trento che poi si lascia riprendere dalla Virtus, ma alla fine vince la Dolomiti

Trento vince davanti al proprio pubblico contro una brutta Virtus per metà e senza Aradori e Qvale, nonostante il solito assente Martin. Con il successo odietro, la Dolomiti entra nelle prime 8 lasciandosi alle spalle la stessa Bologna e la Dinamo Sassari. Per il duo Gomes-Marble 30 punti mentre alla Virtus non bastano i 24 di Punter.

Inizio mozzafiato dei padroni di casa, che mettono subito la questione in chiaro partendo 12-0. La Virtus è in totale confusione e vittima della difesa aggressiva di Trento, la tripla di Cournooh sono gli unici punti trovati dai bianconeri in 8’ di gioco. Dopo il canestro di M’Baye, Gomes e Marble con due penetrazioni scrivono 20-5. Nell’ultimo minuto della prima frazione 4 punti di Punter portano Bologna a -11, ma la Dolomiti sembra essere in totale controllo.

Flaccadori apre il secondo quarto sparando dai 6.75 metri, ma al giro successivo Punter risponde con la stessa cartuccia. Marble realizza con “and one” e dopo 2’ è 26-12 per la squadra di coach Buscaglia. La forbice continua ad allargarsi e, trascorsi altri due giri di orologio, Trento riscrive il massimo vantaggio salendo a +19 sul 31-12. Risposta di Bologna che grazie a un break di 8-0 prova a ricucire, ma la Dolomiti non si fa spaventare ed archivia anche i secondi 10’ in vantaggio di 15 sul 41-26.

Nel terzo quarto, l’inerzia della partita passa nelle mani della squadra ospite. Le triple di Cournooh, Baldi Rossi e Punter favoriscono una lenta rimonta e al giro di boa la Virtus scente sotto la doppia cifra di svantaggio. Punter sente l’odore del sangue e punisce ancora dalla lunga distanza, 48-44 con 4’ alla terza sirena. Il match ora prosegue sui binari dell’equilibrio e si va agli ultimi dieci minuti 52-47.

Nella prima azione dell’ultimo quarto, Punter infila l’ennesima tripla ed è patta 52-52. Jovanovic è molto propositivo e per mezzo del suo apporto Trento prova a tornare a distanza di sicurezza andando 58-52. Da 3’ Bologna non segna e la schiacciata di Hogue sancisce il 60-52. Risposta della Virtus che sembra non morire mai, 7-0 dopo la “bomba” di Punter ed è -1. A 3’ dal termine Taylor impatta 63-63 centrando il bersaglio dalla lunga distanza. Craft riporta Trento davanti e nel finale i liberi di Forray condannano Bologna alla sconfitta. Finisce 71-65 per la Dolomiti nonostante una Virtus inarrendevole.

[pb-game id=“398296”]

Commenta