Torino: l’infrazione marzo-aprile 2018 avrebbe potuto essere causa di mancata ammissione alla A

Torino: l’infrazione marzo-aprile 2018 avrebbe potuto essere causa di mancata ammissione alla A

Il Consiglio Federale di venerdì si limiterà ad applicare la sanzione senza discutere nel merito le decisioni della Com.Te.C. che ha poteri assoluti sulle vicende relative alle violazioni delle norme economico-finanziarie

L’infrazione al regolamento del settore professionistico che la Com.Te.C. ha rilevato da parte dell’Auxilium Torino per il bimestre marzo-aprile 2018 avrebbe potuto essere causa di mancata ammissione al campionato 2018-19 se accertata in occasione dei controlli del 16 giugno scorso e non regolarizzata entro i termini dell’iscrizione fissati da apposita delibera del Consiglio Federale.

La sanzione che la Com.Te.C. ha proposto a carico del club piemontese deriva però da una segnalazione dell’Agenzia delle Entrate attraverso la convenzione che lega i due enti.

Gli atti giunti all’organismo di controllo economico-finanziario della FIP, rilevando un provvedimento che contestava all’Auxilium un utilizzo considerato irregolare dei crediti di imposta, hanno evidenziato violazioni al regolamento Com.Te.C. per quanto riguarda i tributi IRPEF e INPS nei 5 bimestri da marzo 2018 a febbraio 2019; per ogni inadempimento è previsto un punto di penalizzazione, ma il regolamento prevede che le sanzioni per infrazioni successive al 31 dicembre debbano essere scontate nella stagione successiva.

Da qui la richiesta per una sanzione di 8 punti sulla classifica della stagione in corso che decreterebbe la retrocessione aritmetica in serie A2 di Torino, più 2 per il 2019/20.

Il Consiglio Federale di venerdì si limiterà ad applicare la sanzione senza discutere nel merito le decisioni della Com.Te.C. che ha poteri assoluti sulle vicende relative alle violazioni delle norme economico-finanziarie; una volta emessa la delibera, l’Auxilium potrà appellarsi ai tre gradi di giustizia sportiva (Tribunale Federale, Corte d’Appello e Collegio di Garanzia del CONI).

Commenta