Teodosic da incanto, Bologna vince contro la Reyer 75-70

Teodosic da incanto, Bologna vince contro la Reyer 75-70

22 punti a referto per il playmaker serbo, nel finale letale Weems

Terzo successo su altrettante partite per la Virtus Bologna che con un’ottima prova vince 75-70 contro una Reyer Venezia anch’essa protagonista di una partita di altissimo livello. Finalmente sul parquet Milos Teodosic, che ha chiuso il match a quota 22. Per Venezia sugli scudi Watt (16 punti e 8 rimbalzi), Daye invece dopo il buon inizio si è spento nel corso del match.

Palla a due vinta dalla Reyer e subito ottima partenza della formazione ospite con la tripla di De Nicolao. Bologna trova gli appoggi di Weems e Markovic, ma Venezia dall’arco è precisissima con Daye e si porta sul 4-11 costringendo Djordjevic al primo time out dopo pochi minuti. Daye è ritmo, così come De Nicolao, i lagurani allungano 6-19. Finalmente arriva il momento tanto atteso dei tifosi bianconeri, a 3’ dalla prima sirena entra sul parquet Milos Teodosic. Primo tiro da tre ed è subito canestro per il playmaker serbo ex Clippers. La Virtus con un mini-break di 5-0 ricuce un po’ lo strappo arrivando 11-19, grazie a qualche errore della formazione ospite che si è un po’ bloccata in attacco. Il primo periodo termina 13-19 con il canestro finale di Weems.

Filloy apre il secondo quarto con una tripla, Teodosic decide di mettersi in proprio e con 5 punti consecutivi riavvicina i suoi (20-22). Per Venezia, con Daye in panchina nei primi minuti, sugli scudi Chappell che realizza in rapida sequenza un appoggio e una “bomba”. La squadra di coach De Raffaele conduce 24-29 al giro di boa del secondo quarto. Salve nuovamente in cattedra prof Milos Teodosic e torna a spiegare Pallacanestro. Per il serbo 17 punti in 9 minuti sul parquet, 2 assist, 100% dal campo e ai liberi, non ci sono parole per spiegarlo. Venezia continua però ad essere letale dalla lunga distanza potendo anche contare su diverse bocche da fuoco (Bramos, Chappell, Daye). Si chiude il primo tempo 35-39.

Al rientro sul parquet, la Reyer è la prima ad accendersi e sale a +8. Le due squadre segnano poco, merito dell’intensità difensiva di entrambe. Djordjevic vista la poca fantasia offensiva dei suoi rimette nella mischia Teodosic e Hunter ed ha ragione: 9-0 di parziale che porta i bianconeri davanti 46-45. I ragazzi di De Raffaele non si lasciano intimorire, Watt si fa largo sotto le plance e la Reyer ne giova. La tripla di Filloy fa 49-58 a 10” dalla penultima sirena, Teodosic replica e si va all’ultimo periodo 52-58.

Nel quarto periodo la difesa di Bologna aumenta i giri notevolmente lasciando la Reyer a secco di punti per ben 5’. Gaines si sblocca dall’arco e anche Weems, fin qui poco presente, spara due triple consecutive che fanno volare la Virtus 67-60 ed esplodere i cinquemila del PalaDozza. Bramos rompe l’incantesimo piazzando una tripla e così fa anche Filloy: 67-66. Weems ha scelto il momento migliore per entrare in partita, si prende due piazzati dalla media e non sbaglia. Quando mancano 40” il tabellone dice 73-70 dopo il 2/2 di Watt dalla lunetta. L’appoggio di Hunter chiude definitivamente i giochi, Bologna vince una partita veramente pazzesca e di altissimo livello. Finisce 75-70.


[pb-game id=”420155″]

Commenta