Tanjevic: La Serie A con due stranieri era la migliore. Troppi stranieri, largo ai giovani italiani

Tanjevic: La Serie A con due stranieri era la migliore. Troppi stranieri, largo ai giovani italiani

Tanjevic ancora una volta critica i troppi stranieri in Serie A: E’ necessario credere di più nei giocatori italiani e concedere maggiori minuti di gioco.

In una lunga intervista a Il Mattino, Bogdan Tanjevic, direttore tecnico delle nazionali italiane, ha puntato ancora il dito contro i tanti, troppi stranieri nel campionato.

“Largo ai giovani. Troppi stranieri in campo non danno la possibilità a tanti giocatori italiani di mettersi in luce, non riuscendo a trovare gli spazi e le opportunità che per doti e qualità meriterebbero” ha detto Tanjevic. “Questi giocatori stranieri, soprattutto americani, vengono qui, a volte non concludono neppure la stagione, allora si cambia. I club sganciano soldoni, spesso spendendo a vuoto. Questi giocatori passano sui nostri parquet come delle meteore. Magari fanno anche spettacolo. È vero. Ma la bellezza del basket, del nostro basket ha un significato diverso” ha aggiunto Tanjevic. “Prima gli stranieri restavano almeno due-tre anni, la gente si affezionava alla squadra che cresceva sotto i loro occhi. Si creava quell’intesa, fuori e dentro il campo, che diventava trascinante. E di esempio per i più giovani che si affacciavano a questo sport. Quando prima si giocava con soli due stranieri la serie A era la migliore. Ènecessario credere di più nei giocatori italiani e concedere maggiori minuti di gioco”.

Commenta