Trieste supera Cremona al fotofinish

Trieste supera Cremona al fotofinish

All'intervallo, Trieste in vantaggio 47-34 Gara condotta a lungo dai padroni di casa, che subiscono la rimonta Vanoli nelle battute finali

Alma Trieste – Vanoli Cremona: 91-86

TRIESTE – Partita dai due volti, appassionante e divertente: per i primi 25′, è dominio triestino, con la Vanoli che non riesce ad andare a segno dall’arco, mentre Dragic arriva a quota 26.

Dopo l’intervallo, già in apertura di ripresa, Crawford, che nel primo tempo aveva messo a referto soli due punti, inizia trovare la via del referto con continuità, ma Trieste è abile nel ribattere colpo su colpo, mantenendo il vantaggio invariato.

Verso la fine del terzo quarto, la Vanoli si porta a -4, ma tre triple di Cavaliero nel giro di un minuto, rispediscono indietro la Vanoli.

Altro break lombardo nel finale di gara, che porta la Vanoli a sfiorare il pareggio, ma arrivando, al massimo, ad una lunghezza da Trieste al 39′.

Nelle ultime battute, la Vanoli ha reclamato per un presunto fallo di Peric su Crawford al tiro dall’arco; per una gomitata di Da Ros sui incisivi di  Crawford, sanzionata contro l’ala americana (Da Ros sbaglia il primo tiro libero, ma deve lasciare il secondo al più preciso Cavaliero, in quanto sanguinante al gomito); e per un tap in di Ricci, su libero di Crawford, giudicato dagli arbitri, con l’ausilio dell’instant replay, ininfluente in quanto il pallone avrebbe già varcato la parte inferiore del ferro.

1° QUARTO

Coach Dalmasson parte con Da Ros in luogo di Peric; ed é proprio il nuovo del quintetto base a mettere in difficoltà la difesa ospite, mettendo a referto già nei primi cinque minuti 6 punti e tre rimbalzi, e costringendo ben presto il diretto avversario, Aldridge, al secondo fallo.

La Vanoli va a segno prevalentemente con Mathiang, nell’alveo dei giochi a due con Diener.

Due canestri di Knox, e tredici punti di un terrificante Dragic propiziano il primo allungo triestino: 26-14 al minuto 8°. Coach Sacchetti ferma la partita.

5/10 contro 1/7, la percentuale di realizzazione dall’arco, che determina il disavanzo tra le due squadre.

2° QUARTO

Allunga ancora la formazione di casa, prima del paerziale 0-9 Vanoli: 31-25 al 13’.

Segue contro parziale Alma: 37-25 al 15’.

Il vantaggio alabardato tocca anche il +14; a seguire, la Vanoli mette due canestri con relativa facilità. Ciò non piace a coach Dalmasson, che, sul 45-34, ferma la partita.

La prima frazione si conclude con la palla rubata a metà campo da Sanders a Mathiang, con l’ala biancorossa che si invola a schiacciare. 47-34.

3° QUARTO

Nove punti di Crawford nei primi tre minuti della ripresa, non servono alla Vanoli per recuperare: sul fronte opposto, arrivano nel canestro ospite tre bombe di Dragic: 26 punti per lui, con 6/8 dall’arco. 62-48 al 24’.

Orchestrati da Diener, Crawford e Stojanovic inanellano una serie di canestri consecutivi che la riportano sotto: 64-60 al 27’.

Ci pensa Cavaliero a ristabilire le distanze: da palla rubata in difesa, tripla in transizione, approfittando di abbondante libertà concessa dalla difesa avversaria. Time-out Sacchetti, e congratulazioni particolarmente sentite di Dalmasson alla guardia triestina. 69-60 al 28’. Al rientro in campo, Cavaliero concede il bis e pure il tris: 75-62 alla terza sirena.

4° QUARTO

In avvio di ultimo periodo, la Vanoli domina a rimbalzo e Crawford non ci sta, raggiungendo 19 punti nei 10 minuti giocati dopo l’intervallo: 80-73 al 34’.

Un paio di canestri forzati, dalla lunga distanza, da parte di Ricci, mantengono la Vanoli in partita: 83-76 al 36’.

Trieste attacca il canestro con imprecisione.

Tripla di Diener, e Saunders dalla lunetta: 83-81 al 38’.

Appoggio di Fernandez: 85-81.

Tripla di Ricci che entra ed esce.

Cavaliero dalla lunetta: 86-81

Si prosegue con il fallo sistematico fino al 91-86 siglato da Cavaliero e che fissa il punteggio finale, dopo la palla scivolata dalle mani di Saunders ad una manciata di secondi dalla sirena.

 

 

[pb-game id=”415516″]

Commenta