Serie A Power Rankings: dalla sedicesima alla tredicesima posizione

Serie A Power Rankings: dalla sedicesima alla tredicesima posizione

Le squadre in lotta per la salvezza secondo il nostro Power Rankings di LBA

16 – ORIORA PISTOIA
Perso Vincenzo Esposito la società ha saputo gettarsi sul mercato con convinzione, firmando due giocatori di valore riconosciuto a queste latitudini. Ovvero la guardia Dominique Johnson (decisivo due anni fa nel cancellare le streghe di Varese) e il lungo-rimbalzista Ousman Krubally. Da tenere d’occhio anche la robustezza di Auda e il talento offensivo di LJ Peak. Tuttavia, in un roster a dieci uomini, pesa l’assenza di esperienza a questi livelli della classe italiana, per un coach come Alessandro Ramagli che nell’ultima stagione ha già mancato l’obiettivo playoff con il meglio in tal senso (Alessandro Gentile e Pietro Aradori). E proprio sull’ex Virtus Bologna si concentrano i dubbi maggiori di responsabilità, vista la pesantissima eredità lasciata da Vincenzo Esposito.

[pb-team id=”1746″]

15 – VL PESARO
Dopo l’ennesima salvezza miracolosa i marchigiani hanno saputo strutturarsi a livello di società, creando anche progetti di «collaborazione» importanti. Ne nasce così un roster con elementi futuribili e di attendibile provenienza: il prodotto di Indiana Blackmon, il diamante grezzo McCree e il centro del Rytas Mockevicius. Spetta all’uomo simbolo «Cedro» Galli trovare filo conduttore e “mission” comune in un progetto costretto a ripartire sempre da capo, anno dopo anno. Il tutto con regia nelle mani di Dominic Artis, certamente tiratore e difensore, ma con enormi punti di domanda nella visione di gioco e nella lettura dei «momenti» di gara.

[pb-team id=”173″]

14 – HAPPY CASA BRINDISI
Dopo le «liti» con Enel della passata stagione, il presidente Marino ha saputo donare nuova stabilità, puntando deciso sulla continuità tecnica di Frank Vitucci. A lui il compito di dare una forma ad un composto difficilmente intuibile, per quanto formato dall’intimidatore Gaffney, dall’equilibratore Chappel, dal prospetto Clark e dal rilanciato Brown III. Banks è il leader di una squadra che ha impressionato in preseason (dieci vittorie su dieci gare), ma ritrovarsi a fine settembre con dubbi in regia resta un potenziale errore capitale. Il solo Clark potrà reggere la massima responsabilità nella corsa salvezza italica?

[pb-team id=”1985″]

13 – RED OCTOBER CANTU’
Alla fine a Cantù tanto si trema, e sempre si arriva in fondo. La gestione di Gerasimenko si è messa un’altra stagione alle spalle, sorprendendo oltre ogni limite con la semifinale di Coppa Italia e l’accesso ai playoff. La vera garanzia si chiama coach Evgenij Pashutin: un titolo russo, una Coppa di Russia, una VTB (unico a riuscirci come rivale del Cska) e due EuroCup (con Kazan e Kuban). Un autentico lusso per il nostro campionato. L’esperienza oltreconfine ha lasciato dietro di sè qualche ombra, il mercato ha latitato in estate con elementi senza esperienza europea, trovando la quadratura solo nel finale. Tony Mitchel, mvp della stagione di LBA 2014-2015, è la classica carta per sparigliare un mazzo avaro di valori (anche se gli ultimi anni hanno avuto picchi solo in Cina e G League), Davon Jefferson la soluzione finale, per esperienza e per i dati che nell’ultima stagione in Turchia hanno detto 17.1 punti per 8.1 rimbalzi nella massima serie con lo Yesilgiresun.

[pb-team id=”164″]

Commenta