Serie A, Petrucci: “Non si torna indietro, promozioni e le retrocessioni restano due”

Gianni Petrucci
Gianni Petrucci

Il presidente FIP interviene anche sul ‘caso Torino’: “Prematuro pronunciare sentenze e paventare ricorsi”.

Dalle colonne della Gazzetta dello Sport arrivano anche le parole di Gianni Petrucci, intervenuto su una varietà di temi che spazia dalle decisioni dell’assemblea di Lega ai parametri per l’iscrizione alla prossima stagione.

Sulla scelta di Torino per la Serie A: “È prematuro pronunciare sentenze e paventare ricorsi, c’è tempo per chiarire e agiremo sentendo le ragioni delle leghe presiedute da Gandini e Basciano. Il decreto Rilancio assegna alle federazioni sportive ul­teriori prerogative di intervento per la gestione dei campionati e dei ricorsi da parte delle socie­tà”.

Sui parametri Comtec: “È autonoma sia dalla Fip sia dalla Lega e dà pareri vincolanti. Poi­ ché ho la delega, le norme sa­ranno “rimodellate”. La Fip è stufa di sentire dire, quando a metà campionato qualche squadra ha difficoltà nei pagamenti, che i criteri dovrebbero essere più rigidi. Sono le società stesse ad auspicare norme di­verse”.

Sulla prossima stagione: “So che alcuni hanno chiesto una sola retrocessione in A2. Non si torna in­dietro, le promozioni e le retro­cessioni rimarranno due”.

Fonte: Gazzetta dello Sport.

Commenta