Milano rischia contro una bella Cremona, vittoria in volata 76-75

Milano rischia contro una bella Cremona, vittoria in volata 76-75

Non basta un ottimo terzo quarto all'Olimpia, la Vanoli gioca una gran partita e sono i liberi di James a consegnare la vittoria ai padroni di casa

L’Olimpia Milano capolista ed imbattuta ospita la Vanoli Cremona di coach Sacchetti, terza con record 5-2.

Buonissimo avvio per la squadra ospite, Milano non ingrana in attacco ed è 10-0 della Vanoli dopo 2 minuti di gioco. Kaleb Tarczewski firma il primo canestro dell’Olimpia, Andrew Crawford trova una comoda penetrazione e così coach Pianigiani decide di fermare subito il gioco, scontento per l’atteggiamento iniziale dei suoi. Al rientro sul parquet è doppia palla persa per l’AX, Mangok Mathiang appoggia il +12 su assist di Diener ma Vladimir Micov risponde dall’altra parte: prima tripla casalinga ed assist per il lungo Americano, 7-14 a metà primo quarto. Tarczewski schiaccia ancora recuperando il rimbalzo d’attacco, Jeff Brooks stoppa in difesa ma Simone Fontecchio è distratto e non riesce a concretizzare dall’altra parte. L’ex di giornata subisce la stoppata, Ricci sbaglia dall’arco ma Crawford invece no, confermando i tre possessi di vantaggio alla squadra di Sacchetti, con due bombe in fila. James non riesce a trovare feeling con il canestro, Cremona regge il colpo e chiude avanti 20-11 a fine primo periodo.

Si torna in campo dopo la proposta di matrimonio tra due tifosi Olimpia, Ruzzier e Jerrells sono gli unici a trovare fortuna nei primi possessi del secondo quarto, con confusione e tanti errori al tiro da ambo le parti. Il cronometro scorre e la moria offensiva prosegue, Dairis Bertans sblocca il punteggio con la tripla del -6, Aldridge risponde e Burns completa la giocata da tre punti per il 19-24 del 15’. Crawford viene dimenticato in area e corregge a rimbalzo, Andrea Cinciarini appoggia con una magia ma dall’altra parte si sblocca finalmente Giampaolo Ricci, +4 Vanoli con i punti di Kuzminskas a far riavvicinare l’AX. Wesley Saunders fa 2+1, Jerrells è perfetto dalla lunetta e dopo il canestro di Peyton Aldridge è di Burns l’ultimo tiro: errore da sotto e Vanoli Cremona avanti 35-29 all’intervallo lungo.
Bomba di Travis Diener, giocata da 4 punti per Bertans e 2+1 di Crawford in avvio di secondo tempo, con terzo fallo per Tarczewski e Ricci. Mike James prova ad accendersi come solo lui sa fare, Jeff Brooks non sbaglia dall’angolo e Kaleb Tarczewski domina sotto i tabelloni: è sua la giocata da tre punti del pareggio, dopo la lotta a rimbalzo d’attacco. L’Olimpia recupera il possesso, James in precario equilibrio lancia la palla sul tabellone ed a rimorchio Brooks schiaccia, 43-41 ed inevitabile timeout per il coach della nazionale. I padroni di casa iniziano a fare sul serio in difesa, lo strapotere del centro di Milano fa la differenza ed i bianco-rossi scappano, doppia cifra di vantaggio con James dietro la schiena per l’inchiodata di Tarczewski. Kaleb stoppa con palla che finisce in tribuna, Cremona commette un’altra violazione di 24 secondi ma riesce a sbloccarsi con tre giocate di Tre Demps, cercando di rimanere ancora in corsa. Ruzzier segna per il 52-49 e forza il minuto di Pianigiani, Demps è scatenato ma Burns-Cinciarini si trovano alla perfezione e Milano resta avanti, nonostante il canestro di Aldridge ed il tap-in sulla sirena di Crawford: 56-55 ad un quarto dal termine.
E’a firma Demps il sorpasso ospite, Cinciarini risponde con la tripla e Mindaugas Kuzminskas si ripete poco dopo, 64-61 Milano con il buon contributo offensivo dall’altra parte per Aldridge. L’Olimpia spreca gli errori avversari e non riesce ad allungare, Crawford punisce ma la squadra di casa corre bene il campo, e l’ala Lituana ex Knicks schiaccia il 66-63 entrando negli ultimi sei minuti del match. Tarczewski commette il quinto fallo personale e coach Pianigiani sceglie l’opzione Brooks da numero 5, Jerrells realizza in acrobazia ma Cremona non vuole mollare, cinque punti il fila di Peyton Aldridge e parità al 35’, approfittando del fallo in attacco del capitano dell’AX.  Mike James torna a segnare nel momento chiave con due canestri in rapida successione, gli avversari non finalizzano dalla linea del tiro libero ma con Saunders restano vicini, 74-71 Milano grazie a Cinciarini. La Vanoli non paga l’imprecisione da sotto, Crawford fa -1 e l’Olimpia perde banalmente palla per infrazione di 8 secondi, nell’ultimo minuto di gioco. Gli ospiti non riescono a costruire un buon tiro per il possibile sorpasso, James sbaglia la penetrazione e dall’altra parte in transizione è Mathiang a segnare da sotto il vantaggio 75-74, con 7.70 sul cronometro. Il play ex Panathinaikos guadagna la lunetta: 2/2 e timeout in campo con meno di 4 secondi rimanenti e palla Vanoli. Si riparte da metà campo, Milano spende un fallo e Ricci sbaglia la tripla sulla sirena: Cremona fa soffrire Milano che vince 76-75 e resta imbattuta in campionato.

Commenta