Venezia cade a Cremona, la Vanoli conquista la seconda posizione

Venezia cade a Cremona, la Vanoli conquista la seconda posizione

Con una super difesa, la Vanoli spezza l'equilibrio al 35' disputando un finale di gara dirompente

Vanoli Cremona – Umana Venezia: 80-65

CREMONA – Dopo 35 minuti di equilibrio, la Vanoli mette in campo un finale di gara dirompente che schianta la Reyer, determinandone il sorpasso in classifica, e che, in funzione del ribaltamento della differenza canestri rispetto alla gara di andata, rende definitiva la seconda posizione della Vanoli in stagione regolare.

Nell’ultimo quarto, 7 i punti per Venezia, come pure i palloni persi: 20-7 il punteggio parziale circoscritto all’ultimo quarto.

Tra due delle migliori squadre nella percentuale di realizzazione da tre punti, il confronto è finito 5-7, in una gara in cui le difese sono risultate le reali protagoniste, specie quella messa in campo dalla Vanoli negli ultimi 5 minuti di gara.

!à QUARTO

Avvio di autorità della formazione di casa: pur subendo Watt, difficilmente arginabile per i mezzi interni biancoblù, le buone percentuali di realizzazione portano in vantaggio la Vanoli: 10-6 al 5’.

Due triple in libertà del neo entrato Tonut, determinano il primo vantaggio ospite: 10-11 al 6’.

Due realizzazioni ravvicinate di Saunders per il contro sorpasso Vanoli: 15-13 al 9’.

Dopo il pareggio di Daye, la tripla di Ruzzier fissa il parziale del 10’: 18-15.

2° QUARTO

Coach De Raffaele non vede nei suoi la reazione auspicata, e chiama time-out un minuto dopo l’inizio del secondo quarto.

La tripla di Tonut sulla sirena dei 24’’, sblocca la Reyer: 20-18 al 12’.

Imperiosa, la schiacciata di Watt; con tiro libero aggiuntivo realizzato, Venezia si riporta avanti. 20-21 al 13’.

Mathiang pareggia dalla lunetta. Segue malinteso tra Diener e Saunders: coach Sacchetti chiama time.out.

Punto a punto fino al 17’; poi Saunders sigla il mini allungo Vanoli: 34-30 al 18’.

Al 19’, “numero” di Ricci: stoppata su Haynes, e, sul ribaltamento, bomba del 37-33.

Sulla sirena, la tripla di Stone, su servizio di Daye, fissa il parziale che accompagna le formazioni all’intervallo: 37-36.

Curioso il tabellino “in bianco” alla voce “punti”, per Crawford da una parte, e per Bramos dall’altro.

Per la Vanoli, nel secondo quarto, solamente due canestri dal campo, ma 14/17 ai tiri liberi.

3° QUARTO

Si sbloccano prima Crawford, poi Bramos; i realizzatori principali rimangono Saunders per la Vanoli, e Watt per la Umana.

Daye, Bramos e Haynes per l’allungo reyerino: 44-51 al 25’. Coach Sacchetti ferma la partita.

Mathiang e Saunders fermano l’emorragia Vanoli. Ora è coach De Raffaele a fermare la partita.

Corre il minuto 26: 48-51.

Minuto spettacolo, 27°: azione da tre punti di Stojanovic; tripla dall’angolo con mano in faccia di Mazzola; schiacciata volante di Mathiang. 53-56.

Quarto fallo di Mazzola, che rientra in panchina.

29’: Ricci pareggia dalla lunetta a quota 58.

Sulla sirena del 30’, l’appoggio in sottomano di Crawford sigla il vantaggio Vanoli, all’esito di un parziale di 7-0. 60-58.

4° QUARTO

Mathiang cresce in marcatura su Watt, che perde di efficacia.

Al 33’: tripla di Ricci, a cui segue la schiacciata di Crawford. 65-60, time-out De Raffaele.

Ancora una tripla di Ricci, che finalizza una grande azione collettiva sul perimetro. 68-60 al 34’.

Azione da tre punti di Mathiang: 70-60.

Vanoli ormai padrona del match, prosegue la sua marcia ergendo una barriera difensiva al limite dell’impenetrabile, e a suon di schiacciate, trascinata da Mathiang, seguito da Ricci. 77-65 al 38’.

Time-out,velleitario, chiamato da De Raffaele. La Vanoli vince 80-65.

[pb-game id=”399218″]

 

Commenta