Scout ed Executive NBA discutono del valore dei giovani talenti dei Lakers

I Lakers hanno diversi giovani che potrebbero risultare appetibili sul mercato

Dan Woike del Los Angeles Times ha pubblicato un articolo in cui diversi addetti ai lavori NBA discutono del valore dei vari giovani presenti nel roster dei Los Angeles Lakers .
Ne riportiamo alcune tra le parti più interessanti:
“Il valore complessivo dei loro asset era più alto 6 mesi fa. Per tutti, tranne che per Kyle Kuzma , il valore è sceso”
[pb-player id=”12103″]
[pb-player id=”11524″]
[pb-player id=”65898″]
Diverse le opinioni su Brandon Ingram , per alcuni è il migliore del gruppo, per altri difetta di durezza e non è un playmaker efficiente.
Su Kyle Kuzma: “Il più consistente, è uno scorer, ha dimostrato di poter difendere, il suo corpo migliorerà” e anche “Credo sia quello che può garantire un ritorno migliore (in caso di trade), è consistente e versatile, ed ha un ottimo contratto”
[pb-player id=”72914″]
Su Lonzo Ball c’è uno scout convinto che risolverà i problemi nel tiro da fuori, e che un cambio di scenario gli farebbe molto bene. Altri invece lo ritengono troppo passivo, e credono che la sua abilità nel passaggio venga negata almeno in parte dalla sua incapacità di mettere punti a referto.
Infine su Josh Hart sono tutti più o meno d’accordo nell’esaltare la sua versatilità e la voglia di difendere, doti che per uno scout lo rendono il secondo più appetibile del gruppo.

Fonte: LA Times.

Commenta