Scariolo: Milano fu una grande delusione per me, Gentile uno dei passaggi più gratificanti

Scariolo: Milano fu una grande delusione per me, Gentile uno dei passaggi più gratificanti

Sergio Scariolo, doppio ex nella gara di questa sera con il Real Madrid, parla anche della sua esperienza con AX Armani Exchange Milano

In una lunga intervista con Time Out, inserto La Gazzetta dello Sport, Sergio Scariolo ha parlato anche del suo passato con AX Armani Exchange Milano .

SU OLIMPIA MILANO

«Se il Real era l’espressione di un sistema collaudato, Milano, a dispetto della sua lunga storia, era in quel periodo un’entità in costruzione con una mentalità che si stava appena formando. L’ostacolo maggiore era costituito dal potentato di Siena che limitò il salto definitivo di qualità di squadra e club. Dopo la finale-scudetto del primo anno, nel secondo furono commessi errori, anche da parte mia, nella scelta dei giocatori. Però ho avuto il piacere di frequentare persone di grande spessore come il proprietario Armani. L’addio fu dovuto alla mancanza di risultati rispetto alle aspettative della piazza, un grande delusione per me perché pensavo che avremmo potuto fare molto meglio».

SU ALESSANDRO GENTILE

«E’ uno dei passaggi più gratificanti della mia esperienza milanese. Ale arrivò da Treviso a metà stagione che era poco più di un ragazzino con un bel potenziale ma molto da crescere e imparare. Il lavoro fatto con lui è stato eccellente perché in due anni è diventato un giocatore del primo quintetto e tra i migliori in Italia nel suo ruolo. Poi le nostre strade si sono divise e non voglio entrare nel merito di quello che è stato il prosieguo della sua carriera».

Commenta