San Vendemiano cala il settebello, i bianconeri vincono il derby Veneto con la Gemini Mestre

San Vendemiano cala il settebello, i bianconeri vincono il derby Veneto con la Gemini Mestre

Al PalaVega San Vendemiano vince il big-match con Mestre. 73-81 il finale.

Il big match, tutto a tinte venete, tra Gemini Mestre (6-1) e Rucker San Vendemiano (7-0) va alla squadra ospite che raccoglie così la settima vittoria in fila in altrettante partite giocate nel campionato di Serie B Old Wild West girone B. Da una parte la squadra di coach Cesare Ciocca con la miglior difesa delle sedici partecipanti al torneo con soli 387 punti subiti (64,5 a gara), dall’altra quella allenata da Marco Mian con il miglior attacco con 502 punti segnati (83,6 a gara), hanno dato vita un match intenso e bellissimo in un PalaVega gremito all’inverosimile che ha accolto le due sfidanti. A griffare il successo bianconero sono le super prestazioni del lungo Jacopo Vedovato che piazza una doppia-doppia clamorosa da 18 punti e altrettanti rimbalzi con 38 di valutazione, seguito dai 17 di Perin, ma il top scorer è Damir Hadzic che chiude con 21 e uno straordinario 6/8 da tre punti. Immancabile anche l’apporto di Giacomo Sanguinetti, per il play ex Cremona ci sono 13 punti e 5 assist. Ai biancorossi – invece- non bastano i 17 di Alberto Conti, i 12 di Tommaso Rossi e gli 11 a testa di Edorado Caversazio e Fabio Massimo Sebastianelli, ma la differenza la fa il tiro dai 6.75: infatti la Gemini chiude con 9/28 contro il 16/38 della Rucker. 73-81 il finale.

Cronaca

Mestre alla prima sirena, nonostante i due falli sanzionati subito in avvio di gara a Bortolin, chiude avanti 18-17 grazie ai 5 punti di Caversazio e Conti e i 4 di Mazzucchelli. San Vendemiano ha in Hadzic il miglior protagonista con tre triple a bersaglio.

Ad inizio del secondo periodo la formazione di coach Ciocca prova a scappare via confezionando un massimo vantaggio di quattro lunghezze, ma il bosniaco Hadzic è un fattore dal perimetro e tiene i suoi attaccati agli avversari. Mestre perde ancora Bortolin: il lungo biancorosso commette il terzo fallo ed è costretto ad uscire. La Gemini, però, si affida a un super Rossi: due bombe in fila dell’esterno scuola Virtus Bologna valgono il massimo vantaggio per la squadra di casa, 34-25 al 15’. Un break della Rucker riporta gli ospiti sotto di soli di quattro punti. Gli ospiti siglano il -1 grazie alla tripla dell’esperto Sanguinetti. All’intervallo lungo si chiude sul 38-37, in un primo tempo davvero molto intenso.

Al rientro in campo Vedovato fa la voce grossa sotto i tabelloni: 5 punti in fila del lungo di San Vendemiano valgono il 38-42 al 22’. Il vantaggio ospite arriva fino al +6 con il runner di Sanguinetti. Hadzic e Perin piazzano due bombe in fila per il nuovo massimo vantaggio Sanve, che diventa +12 con Sanguinetti e i libero di Hadzic, 43-55 al 26’. La Gemini sbanda in modo pauroso e la Rucker trova il +14 (43-57). La terza frazione termina sul 48-60.

Negli ultimi dieci minuti la squadra di coach Mian amministra il vantaggio nonostante il tentativo cabarbio di Conti e Sebastianelli che al 37’ rientrano fino al -6 a 57” dalla fine. I liberi di Sanguinetti mandano i titoli di coda del match. 73-81 il finale.

 

 

 

 

 

Commenta