Sacchetti: ‘Resettiamo, pensiamo in piccolo e facciamo vedere la faccia giusta dell’Italia’

Courtesy of 'La giornata tipo'

Courtesy of 'La giornata tipo'

Sacchetti alla stampa presenta la sfida d'esordio in Cina con le Filippine

Coach Sacchetti commenta il cammino Italbasket fatto sino ad oggi e la sfida inaugurale contro le Filippine: “Non siamo stati sicuramente contenti di alcune partite fatte, si è visto qualcosa di buono ed abbiamo provato a recuperare giocatori fuori da tempo, per esempio per infortuni. Nel bene e nel male adesso è il momento di resettare tutto, ripartiamo dalle Filippine, siamo una squadra ‘povera’nel senso che dobbiamo guadagnarci tutto, aumentando la nostra autostima. Con un palcoscenico così tutti vorranno sicuramente dare il massimo, c’è sempre emozione nonostante i tanti giocatori di esperienza che abbiamo. Voglio che i miei ragazzi si emozionino giocando questo torneo.
Le Filippine sono una squadra piccola, che sfrutterà il gioco in transizione, dobbiamo essere bravi a non lasciare loro spazi per arrivare con facilità al ferro. L’Italia deve avere rispetto di tutti gli avversari, senza avere paura di nessuno, colossi o squadre come i nostri primi avversari. Le qualità fisiche e tecniche ci sono, sfruttiamole al meglio.
Lavorare qui in Cina ci ha aiutato, giocare contro squadre importanti e stando insieme con giocatori che non avevamo potuto inserire in precedenza. Ho visto il coinvolgimento di tutti con la voce, li ho visti parlare spesso e questo mi ha rassicurato tanto. Soddisfatto quando? Per il momento sarò contento se dovessimo vincere la prima partita, pensiamo in piccolo e credo che sia la mentalità giusta da portarsi dietro, crescere giorno dopo giorno. Il passo falso con la Nuova Zelanda ha un po’rallentato il percorso di crescita fatto, abbiamo bisogno di far vedere la faccia bella dell’Italia”.

Commenta