La volontà della Fiat Torino non basta, vince Venezia che riaggancia la seconda posizione

La volontà della Fiat Torino non basta, vince Venezia che riaggancia la seconda posizione

Quinto ko in fila per la squadra di Paolo Galbiati

Secondo successo nelle ultime cinque gare per l’Umana Reyer Venezia, che riprende la seconda piazza dopo il ko di Avellino con Cantù. La squadra di Walter De Raffaele reagisce al grande terzo quarto della Fiat Torino, che dopo aver toccato subito lo svantaggio in doppia cifra risponde con 25 punti che illudono il fanalino di coda. Ma la coppia Marquez Haynes – Mitchell Watt è chirurgica, e per la Fiat Torino arriva il quinto ko in fila. Il più scontato forse, certamente il meglio giocato, ma comunque doloroso per chi non riesce a staccarsi dal fondo. 66-73 il finale.

[pb-game id=”399115″]

La Fiat Torino ha l’obbligo di vincere, ma nel primo tempo Valerio Mazzola prende le misure da ex con 5 punti in fila dopo la palla a due, e Michael Bramos insacca tre bomber (su quattro tentativi), in un primo tempo che conferma il vantaggio in doppia cifra degli uomini di Walter De Raffaele.

E’ il preludio di un terzo quarto da urlo per la squadra di Paolo Galbiati, che insacca 25 punti in 9’, toccando il massimo vantaggio sul 53-48. Protagonisti Hobson e Jaiteh, 12 punti a testa, mentre Venezia non trova continuità dall’arco, con un 6/21 dall’arco che vale il 53-50 in chiusura di terzo quarto.

L’Umana Reyer Venezia reagisce con il momento di rottura cruciale: 15 punti segnati in meno di 7’, 59-65. 3.20, che diventa 60-67 a 2.07. La squadra di Paolo Galbiati pare non averne più dopo l’extrasforzo del terzo quarto, e Marquez Haynes manda i titoli di coda con il 60-70 quando si entra negli ultimi 90 secondi.

Commenta