Real Madrid, primo stop. In casa Olympiacos vale la legge di Spanoulis

Courtesy of Getty Images
Courtesy of Getty Images

32 punti in due per Spanoulis e William-Goss nel primo tempo, i Blancos sempre costretti ad inseguire alla fine alzano bandiera bianca

Prima sconfitta europea per il Real Madrid , i Blancos cadono sul campo del Pireo (88-83) battuti da un Olympiacos che trova una serata da vero leader da parte del solito Vassilis Spanoulis . E non solo…

 

Il numero sette biancorosso segna 20 punti (5/6 da tre punti) di cui 16 nel primo tempo dominato dai greci (52 punti all’attivo). Ma come detto non è l’unico eroe, il greco. Ci sono infatti i 23 punti di Nigel William-Goss (anche lui 16 nel primo tempo) e i 12 di Zach LeDay . In più la leadership silenziosa di Janis Strelnieks , vero protagonista nei momenti più difficili dell’Oly.

 

Il Real resta in partita fino all’ultimo anche se vede spegnersi la luce di Jaycee Carroll (16 punti, 4/7 da tre). Campazzo prima gioca per la squadra (13 assist) poi prova a mettersi in proprio (14 punti) ma il finale convulso premia l’Olympiacos. Tra fischi sbagliati, liberi errati, falli regalati, la partita dura un’infinità non cambiando l’esito. Il Real polemizza per alcune decisioni arbitrali (tre secondi fischiati a Campazzo, mancato flopping a Spanoulis) ma alla fine è costretto ad alzare bandiera bianca. Per un Olympiacos che vince con merito.

 

[pb-game id=”388738″]

Commenta