Pozzecco: Quando percepisco una situazione che può alterare il risultato vado fuori di testa

Pozzecco: Quando percepisco una situazione che può alterare il risultato vado fuori di testa

Il coach del Banco di Sardegna Sassari dopo lo sfogo di gara-5: Non ho figli naturali, ne ho 12 adottati. Quattro mesi fa ero un balordo che arrivava da Formentera, oggi sono un allenatore nuovo

Nel giorno di gara-6 Gianmarco Pozzecco, coach del Banco di Sardegna Sassari, torna a parlare dalle colonne de La Gazzetta dello Sport: «Non conosco la premeditazione, anzi la respingo. Quando percepisco una situazione che può alterare il risultato fuori dall’abilità dei giocatori, vado fuori di testa».

E ancora: «Non ce l’ho con De Raffaele. Siamo amici e ha fatto lui bene a ricordarlo. Ce l’ho con tutti, soprattutto con la cultura sportiva dove si vuole il risultato a tutti i costi. Un sistema allucinante».

Forte il legame con la squadra: «Non ho figli naturali, ne ho 12 adottati. Quattro mesi fa ero un balordo che arrivava da Formentera, oggi sono un allenatore nuovo».

E su Stefano Gentile: «Non faccio pretattica, non so se giocherà. Lo valuteremo in giornata dopo gli esami strumentali».

Commenta