Pistoia controlla per 40′ in casa della Virtus Bologna e vince 67-78

Pistoia controlla per 40′ in casa della Virtus Bologna e vince 67-78

Pistoia con carattere doma una Virtus Bologna irriconoscibile

Ottimo inizio di partita per Pistoia al PalaDozza, che dimostra subito la voglia di vincere questa partita contro una Virtus che parte molto spenta e con molti errori dal campo. Kroubally, Auda e Peak firmano i primi canestri biancorossi e gli ospiti salgono rapidamente 9-3. Azzardata la scelta di Djordjevic di partire con Cappelletti in quintetto base, sostituito da Taylor dopo il primo time out del coach serbo. A 4’ dal termine sale in cattedra anche Aradori che da subito il suo apporto con 5 punti. Senza alcun dubbio la formazione di coach Moretti ha un’altra spinta e si vede, la “bomba” di Mitchell sulla prima sirena chiude la prima frazione 11-22.

Continua a far la voce grossa Pistoia, con un Kroubally letteralmente indemoniato che lotta su ogni pallone e realizza d’arco. Gli ospiti arrivano sul +16 e rimangono davanti senza patemi, Aradori inoltre si innervosisce e si grava di un fallo tecnico. La Virtus è irriconoscibile, calo fisico dovuto evidentemente alla recente sfida contro Nanterre. Negli ultimi minuti del secondo quarto Bologna prova a rientrare, spinta da Chalmers e Kravic, arrivando fino al -9, ma Mitchell prima inchioda a due mani poi spara dai 6,75 metri. Il primo tempo si chiude con i toscani avanti 33-45 (16 di Kroubally e 11 di Mitchell).

Si rientra sul parquet, ma la situazione non cambia.  La Virtus continua a faticare e Pistoia ne approfitta rimanendo sempre sopra la doppia cifra di vantaggio. Djordjevic furibondo con la terna si prende un tecnico provando di dare una scossa ai suoi. Kroubally continua a dominare il pitturato, ormai inutile ribadirlo. Punter e Taylor non pervenuti, Chalmers prova a caricarsi la squadra sulle spalle ma non basta. La schiacciata sbagliata da Taylor è la fotografia perfetta per descrivere la prestazione di Bologna. Anche la terza frazione termina con gli ospiti davanti, 50-61. Nell’ultima frazione si segna poco e la situazione resta invariata. Pistoia ha il pieno controllo del match e la Virtus non torna mai a contatto. Finisce 67-78.

Commenta