Petrucci: Questo signore russo mi ha anche preso in giro, ma i suoi soldi ancora non li ha versati

Petrucci: Questo signore russo mi ha anche preso in giro, ma i suoi soldi ancora non li ha versati

Il presidente della Fip risponde a Gerasimenko e parla di Torino: Martedì arriverà il parere della Com.Tec, poi ne prenderemo atto

Gianni Petrucci, presidente Fip, ha rilasciato una breve intervista a La Repubblica.

SU TORINO

«Martedì arriverà il parere della Com.Tec, poi ne prenderemo atto. Che Torino sia in questa situazione è un danno per tutto il nostro basket, ma ci sono delle regole. Basket e Calcio hanno un accordo con l’Agenzia delle Entrate che rende vincolante il parere degli organi di controllo sui bilanci».

SULL’ESPULSIONE DI FIAT TORINO DA LBA

«Una decisione presa quasi all’unanimità dai club che parte da un giudizio etico. Questo signore russo mi ha anche preso in giro dicendo che non sa chi sia Petrucci: è vero, non ci conosciamo, e la cosa non mi cambia la vita. Mi pare anche che i soldi non li abbia ancora versati».

SUL FUTURO DI TORINO

«Decidiamo sui documenti, non sui sentimenti. Auspico un intervento della sindaca Appendino, che ha già salvato il basket femminile. Certo, serve una riforma strutturale, ma intanto il basket porta a casa la Fiba Europe Cup di Sassari e questa sera sarò a Anversa per la finale della VIrtus Bologna in Champions League».

Commenta