Petrucci: Il basket è nelle scuole e investiamo due milioni di euro su chi punta sugli italiani

Petrucci: Il basket è nelle scuole e investiamo due milioni di euro su chi punta sugli italiani

Il presidente della Fip Gianni Petrucci risponde ad alcune delle polemiche piovute addosso alla federazione, e al suo numero, dopo l'eliminazione dal Mondiale cinese

Il presidente della Fip Gianni Petrucci risponde ad alcune delle polemiche piovute addosso alla federazione, e al suo numero, dopo l’eliminazione dal Mondiale cinese.

SULLA SQUADRA

«Difendo i giocatori che hanno faticato con serietà. Difendo lo staff medico in un’estate non facile, con Gallinari tornato in campo 18 giorni dopo l’appendicite. Difendo Meo Sacchetti, che a detta di tutti è un coach bravo e vincente. E apprezzo l’eleganza di Messina e Pianigiani, che non hanno espresso pareri: gli ex ct non conoscono le cose dal di dentro».

SULLA SCUOLA

«Non è vero che non siamo nelle scuole. Easy basket coinvolge 4.000 classi in Italia, Junior Nba 3.500 ragazzi. Il volley lavora bene, ma le altezze medie sono le stesse. I risultati a livello giovanile li otteniamo, se poi in Serie A non giocano non posso farci granchè, non posso imporlo».

SUI GIOVANI

«Dai club di Serie A in giù la Federazione investe 2.000.000 di euro per supportare chi punta sugli italiani. Sono pochi? Se ne può discutere, ma non si può sostenere che non ci siano incentivi».

 

Fonte: La Gazzetta dello Sport.

Commenta