Pesaro, il ritorno di Sacco: “Per salvarci dobbiamo essere un gruppo unito”

Pesaro, il ritorno di Sacco: “Per salvarci dobbiamo essere un gruppo unito”

Presentato il nuovo coach alla vigilia della sfida contro Milano.

Presso il Pala Nino Pizza la Carpegna Prosciutto Basket Pesaro ha presentato il nuovo Coach Giancarlo Sacco: “Ho sempre fatto parte della VL, non sono mai andato via; anche quando ero fuori Pesaro la Victoria Libertas è sempre stata la mia famiglia. Con lo staff il rapporto è ottimo da molti anni – ha detto il nuovo allenatore della squadra biancorossa – questa chiamata da parte di tutto il gruppo che da anni permette di vedere ancora la pallacanestro in città per me è un onore. Non mi sento una persona che ritorna ma come una risorsa che è stata scelta per portare il proprio aiuto”.

Sacco è alla sua terza esperienza sulla panchina della VL e ha chiara la situazione attuale: “Dobbiamo combattere contro il tempo, ogni secondo può essere determinante. L’immediatezza è fondamentale, dobbiamo acquisire più informazioni possibili da tutti quelli che fanno parte di questa squadra e di questa società. È necessario essere un gruppo, aiutarci e giocare insieme: questo è l’unico modo per risolvere le cose. Serve compattezza da parte di tutti, finora ho visto quasi tutte le partite ma riparto da zero per essere onesto nei confronti di tutti i giocatori per non avere pregiudizi e per guardare avanti. Paolo Calbini sta facendo un lavoro eccezionale, lo staff è di grande qualità. Le sconfitte non aiutano, è ovvio, per supportare i ragazzi a stare meglio in campo l’obiettivo è quello di semplificare le cose, dobbiamo avere il gusto della sfida tipico dei giovani che però devono anche dimostrare che le opportunità vanno meritate”.

Coach Sacco ha anche parlato del contributo che è stato portato da chi lo ha preceduto alla guida della Carpegna Prosciutto Basket Pesaro: “È stato fatto un grande lavoro: ora l’idea non è quella di stravolgere ma di alleggerire: ho trovato qualità, dobbiamo voltare pagina. In un reparto ci sono stati molti infortuni che hanno complicato la situazione. I tifosi vogliono vedere la squadra lottare, la società è disponibile ad effettuare dei cambiamenti che possano modificare la squadra. Dobbiamo ricreare solidità in tutto il gruppo, altrimenti qualsiasi innesto è inutile. La salvezza si raggiunge tutti insieme, questo concetto deve essere chiaro a tutti”.

Il Presidente Ario Costa ha commentato: “Tutti noi conosciamo Giancarlo, un allenatore e una persona che ha già vinto con la VL. Le sue capacità non le scopriamo certo oggi, è sempre stato un grande Coach, tra i migliori in Italia. Saluto Federico Perego che ha fatto un lavoro positivo e ammirevole ma che purtroppo non si è concretizzato con i risultati. Giancarlo è adatto a situazioni di questo tipo, siamo pronti a iniziare il nostro percorso con lui”.

Il Presidente del Consorzio Pesaro Basket Luciano Amadori ha aggiunto: “Mi dispiace leggere alcuni messaggi che circolano sui social network in cui si auspica le nostre dimissioni: sottolineo però che vivendo a Pesaro molte persone tutti i giorni invece ci incoraggiano ad andare avanti. Noi ci mettiamo la faccia come successo anche domenica scorsa quando a fine partita ho parlato con i ragazzi della curva. A me e ad Ario è stato chiesto di ricoprire i nostri incarichi, al nostro arrivo abbiamo trovato una situazione drammatica. Siamo chiamati a salvare prima di tutti la società; da anni abbiamo dato la nostra disponibilità a passare il testimone ma nessuno si è mai fatto avanti”.

Commenta