Peppe Poeta: Onorato di essere stato il Vostro Capitano e di aver indossato la Maglia Auxilium

Peppe Poeta: Onorato di essere stato il Vostro Capitano e di aver indossato la Maglia Auxilium

L'emozionante lettera di Peppe Poeta all'Auxilium ed alla città di Torino

Questa la lettera scritta da Peppe Poeta, capitano della Fiat Torino, a pochi giorni dalla fine del campionato in cui l’Auxilium è retrocessa.

“In questi 3 anni abbiamo gioito e sofferto insieme, dalla vittoria della Coppa Italia a Firenze fino agli ultimi tristi eventi.
Prendendo atto di questa situazione e senza sapere che cosa mi riserverà il futuro, voglio fermarmi un attimo e dire GRAZIE.
GRAZIE a tutti i compagni che ho incontrato in questi anni, ognuno di voi mi ha trasmesso qualcosa di speciale.
GRAZIE agli Allenatori, ai Preparatori, ai Dottori, ai Dirigenti, ai Fisioterapisti, al Magazziniere, ai Ragazzi dello Staff e della Sede, a chiunque abbia gravitato intorno a me e ai miei compagni, anche “dietro le quinte”, dal primo all’ultimo giorno. Senza di voi non sarebbe stato lo stesso. Non farò nomi, ma ognuno di voi sa quanto grande sia la mia gratitudine, il mio affetto e la mia stima.
GRAZIE alla meravigliosa città di Torino, sei stata la mia casa, lo scenario di ricordi indelebili, il luogo dove ho instaurato legami che dureranno al di là del tempo e delle distanze.
Infine, GRAZIE a voi, i nostri tifosi. Mi avete fatto sentire parte di una famiglia sin dal primo momento che ci siamo incontrati, al Pre-Olimpico con la Nazionale. Non ci avete mai lasciato, nemmeno domenica, nemmeno alla fine della nostra avventura insieme.
Sono onorato di essere stato il Vostro Capitano e di aver indossato la Maglia Auxilium. E poi chissà…
”Magari un giorno balleremo di nuovo insieme”…
PP#8”

Visualizza questo post su Instagram

In questi 3 anni abbiamo gioito e sofferto insieme, dalla vittoria della Coppa Italia a Firenze fino agli ultimi tristi eventi. Prendendo atto di questa situazione e senza sapere che cosa mi riserverà il futuro, voglio fermarmi un attimo e dire GRAZIE. GRAZIE a tutti i compagni che ho incontrato in questi anni, ognuno di voi mi ha trasmesso qualcosa di speciale. GRAZIE agli Allenatori, ai Preparatori, ai Dottori, ai Dirigenti, ai Fisioterapisti, al Magazziniere, ai Ragazzi dello Staff e della Sede, a chiunque abbia gravitato intorno a me e ai miei compagni, anche “dietro le quinte”, dal primo all’ultimo giorno. Senza di voi non sarebbe stato lo stesso. Non farò nomi, ma ognuno di voi sa quanto grande sia la mia gratitudine, il mio affetto e la mia stima. GRAZIE alla meravigliosa città di Torino, sei stata la mia casa, lo scenario di ricordi indelebili, il luogo dove ho instaurato legami che dureranno al di là del tempo e delle distanze. Infine, GRAZIE a voi, i nostri tifosi. Mi avete fatto sentire parte di una famiglia sin dal primo momento che ci siamo incontrati, al Pre-Olimpico con la Nazionale. Non ci avete mai lasciato, nemmeno domenica, nemmeno alla fine della nostra avventura insieme. Sono onorato di essere stato il Vostro Capitano e di aver indossato la Maglia Auxilium. E poi chissà…”Magari un giorno balleremo di nuovo insieme”… PP#8

Un post condiviso da Giuseppe Poeta (@peppepoeta8) in data:

Commenta