Pallacanestro Cantù, la cessione al gruppo USA per 800.000 euro

Pallacanestro Cantù, la cessione al gruppo USA per 800.000 euro

La cordata USA, unitamente a Tutti Insieme Cantù, rileverebbe il milione e seicentomila euro di debito e l’area dell’ex Pianella, sui cui sorgerà il nuovo Palasport

Come anticipato da Sportando nella giornata di ieri, la cessione dell’Acqua S. Bernardo Cantù è ormai prossima alla felice conclusione.

Secondo La Provincia, l’accordo verrà ratificato lunedì in uno studio notarile. L’accordo si sarebbe trovato per una cifra intorno agli 800.000 euro. 350.000 al momento della firma, i restanti 450 rateizzati in un periodo tra i cinque e nove anni.

La cordata USA, unitamente a Tutti Insieme Cantù, rileverebbe il milione e seicentomila euro di debito (nonostante quanto detto da Gerasimenko) e l’area dell’ex Pianella, sui cui sorgerà il nuovo Palasport.

Al Corriere di Como parla invece Luca Rivelli, manager di Lugano, a capo della cordata svizzera che era emersa come alternativa: «Il nostro gruppo ha una valenza internazionale, con investitori anche italiani. Abbiamo parlato sia con il proprietario Dmitry Gerasimenko, sia con l’amministratore unico Roman Popov e abbiamo mostrato le nostre credenziali. Ribadisco: siamo decisi a costruire un futuro importante e a riportare la Pallacanestro Cantù nel ruolo che le compete nella storia del basket».

Commenta