Olimpia Milano-Real Madrid, le ultime dalle sedi

Olimpia Milano-Real Madrid, le ultime dalle sedi

Olimpia con Jerrells nei dodici, Real Madrid privo di Ayon e Thompkins

AX ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO – REAL MADRID
Ore 20.45 al Mediolanum Forum d’Assago
Record 1-0 vs 1-0
Precedenti nella competizione 1-11
Arbitri Pukl, Jovcic, Geller
Era l’8 gennaio 2009. L’AJ di Piero Bucchi gioiva al Forum d’Assago per un successo contro il Real Madrid. 70-61 il finale con 23 punti di Marco Mordente (5/6 dall’arco) e 14 di Mason Rocca. Da allora 10 ko in fila, cinque al Forum, per un decennio senza successi contro la squadra che ha segnato di più questi anni di basket europeo unitamente a Panathinaikos e Cska.

Simone Pianigiani riparte dalla carica dei 10.000 tifosi attesi al Forum d’Assago, passando per il recupero di Curtis Jerrells, che andrà nei 12 al posto di Simone Fontecchio: «È fin troppo facile parlare del Real Madrid – le sue parole al sito ufficiale del club – perché è la squadra campione d’Europa ed è già pronta ad esprimersi ad un livello altissimo potendo contare su un nucleo di giocatori che stanno insieme da anni e da anni con lo stesso allenatore. Siamo  all’inizio della stagione ma loro non hanno bisogno di trovare equilibri, li hanno già consolidati da tempo e quando la partita si decide loro sanno cosa fare. In questo momento giocano già un basket scintillante come del resto dicono i risultati: hanno vinto la Supercoppa battendo in finale Vitoria dopo una gara bellissima, sono imbattuti in campionato e hanno vinto all’esordio in EuroLeague. Ovviamente è una partita della difficoltà massima».

L’Olimpia, però, è carica: «Arriviamo a questa partita, contro un avversario del livello più alto, in uno stato mentale positivo perché finora abbiamo fatto molto bene. Dobbiamo per la verità trovare ancora qualche equilibrio perché da un lato abbiamo tanti giocatori confermati ma dall’altro la trazione posteriore è stata ricomposta. Dobbiamo affrontare la gara sereni nella gioia di vivere serate come questa e il nostro pubblico ci aiuterà a fare uno sforzo extra per rimanere aggrappati alla partita il più a lungo possibile per giocare al meglio delle nostre possibilità. La gara comunque vada ci darà spunti necessari per crescere ulteriormente, anzi questo desiderio di miglioramento deve essere esaltato dalle difficoltà. Abbiamo fatto finora tutto quello che dovevamo, quindi non avrebbe potuto esserci una partita migliore per ricevere un ulteriore impulso nel nostro entusiasmo e autostima».

Così Vlado Micov: «Sono ovviamente una contender fissa per le Final Four. La gara sarà molto dura, ma a volte squadre così è meglio affrontarle all’inizio, prima che tutto sia perfetto».

Real Madrid ancora imbattuto in stagione tra Supercopa, Acb ed EuroLeague, ma che dovrà fare a meno di due elementi del reparto lunghi. Trey Thompkins è ancora alle prese con un infortunio emerso nella fase di preparazione, Gustavo Ayon è invece a Madrid, appena rientrato da un viaggio in patria per stare vicino ai genitori, vittime di un incidente.

Così Pablo Laso (due EuroLeague e quattro Acb nel suo palmares madrileno): «Ayon è tornato a Madrid. Si sta allenando ma non è venuto a Milano. Thompkins è ancora fuori e non ha viaggiato con noi. Siamo qui in 13. Milano ha firmato giocatori molto importanti: Brooks, Nedovic, James e Della Valle sono nomi importanti. James è aggressivo in uno contro uno e Della Valle è un importante prospetto italiano, abile nel segnare. Sono una chiara candidata per i playoff».

Commenta