Obradovic si lamenta per il caldo a l’Astroballe: Condizioni disumane per giocare una gara di basket

Obradovic si lamenta per il caldo a l’Astroballe: Condizioni disumane per giocare una gara di basket

Il coach di Monaco, in vista della decisiva Gara 5 di Jeep Elite, si lamenta per l'eccessivo caldo nel palazzo dell'Asvel, che giocherà anche l'EuroLeague l'anno prossimo: Non ci sono soluzioni, ma per una squadra che giocherà l’EuroLeague (ASVEL), bisogna trovarne.

Questa sera l’Astroballe di Lione ospiterà Gara 5, decisiva, tra ASVEl e Monaco.
Ma per entrambe le squadre ci sarà un nemico in più: il caldo.
Nell’Astroballe non c’è aria condizionata e si sono raggiunti 40 gradi all’interno dell’impianto.

Un tema “caldo” anche nel massimo campionato italiano con le condizioni climatiche dentro il Taliercio che hanno fatto molto discutere i protagonisti delle LBA Finals.

“Il caldo è un problema per entrambe le squadre. Ci sono condizioni disumane. Non ci sono soluzioni, ma per una squadra che giocherà l’EuroLeague (ASVEL), bisogna trovarne. Perché nel palazzo non ci sono le condizioni per giocare una buona partita di pallacanestro” ha detto coach Obradovic di Monaco.

“In Gara 2 Eric Buckner si è sentito male nel tornare verso gli spogliatoi e ci siamo davvero preoccupati. Poi i nostri medici si sono occupati di lui. Anche Paul Lacombe non è stato bene. E’un problema. Lo so per aver giocato tante stagioni con ASVEL. E’un problema anche per lo spettacolo, per gli spettatori e per i giocatori. Dobbiamo disputare una partita. Cerchiamo di arrivarci nel miglior modo possibile a livello mentale, di dieta ed idratazione. Beviamo tre volte di più del necessario per resistere al caldo. Ma una volta dentro è dura per tutti resistere” ha detto Amara Sy, sempre del Monaco.

Fonte: Ouest-France.

Commenta