Milano lotta e non fallisce la sfida al Maccabi, vittoria decisiva 87-83 nella corsa ai playoff

Courtesy of Getty Images
Courtesy of Getty Images

L'Olimpia vince la bellissima sfida del Forum contro gli Israeliani. Differenza canestri ribaltata e successo decisivo nella corsa alla postseason di Euroleague, con l'attuale sesto posto in classifica

Al Forum di Assago l’Olimpia Milano ospita il Maccabi, sfida decisiva nella corsa ai playoff di Euroleague.

Kaleb Tarczewski è tornato e si vede, 3 stoppate in avvio con il Maccabi però avanti sul 6-4 merito di un subito caldo O’Bryant. Tarik Black schiaccia dopo il canestro di Nedovic, Brooks si fa notare in attacco ed in difesa ed un suo tap-in vale il pareggio a quota 10, a metà primo quarto. Wilbekin scalda la mano con due canestri in fila, gli ospiti sprecano qualcosa dall’arco e Milano resta a contatto, con i primi punti di Nunnally e James. Pargo e Roll realizzano da lontano, Micov con l’arresto e tiro da manuale per il 20-22 dei primi dieci minuti.
E’ ancora Michael Roll a punire la difesa di casa, Kuzminskas e James Nunnally rispondono e con la tripla di Jerrells l’AX torna avanti, 28-27 al 13’. Nedovic colleziona un super recupero ma si divora l’appoggio in contropiede, Cohen segna ancora ma la sfida resta in equilibrio con la squadra di Pianigiani brava a sfruttare i giri in lunetta. Curtis Jerrells riscrive due volte il sorpasso, James sale in cattedra con il 2+1 e l’Olimpia resta un minimo avanti, +2 con Jerrells che reagisce alla tripla di Wilbekin. Nunnally va a segno per Milano, Scottie Wilbekin trova il jolly sulla sirena ed è 47 pari a metà match.

Il play di Tel-Aviv riprende da dove aveva lasciato, Nedovic prima e James dopo guidano Milano con Jeff Brooks che fa esplodere il pubblico di Assago, schiacciando dopo il rimbalzo offensivo il 54-51 per l’AX. L’Olimpia stringe le maglie e pressa forte in difesa, perde Tarczewski causa terzo fallo ma resta avanti, ancora per merito dell’ala della nazionale Azzurra. Omic lotta a rimbalzo e si fa perdonare un paio di veniali errori, Mike James inventa non completando la giocata da 3 punti ma è comunque +7, con 13-2 di parziale aperto. Gli Israeliani ritrovano il canestro con Black, la squadra bianco-rossa non riesce ad affondare del tutto il colpo ma conduce 64-62 ad un quarto dal termine, con gli ospiti che accorciano sulla sirena con Roll.
Tarczewski torna sul parquet e realizza su assist di Jerrells, l’ex Kazan guadagna la linea del tiro libero ma Tel-Aviv non perde colpi, i rimbalzi d’attacco ed uno scatenato Michael Roll riportano avanti 69-68 la squadra ospite, più determinata anche sul lato difensivo del campo. Vlado Micov sblocca finalmente l’Olimpia, Omic schiaccia in tap-in ma il Maccabi non sbaglia, con l’esperienza sotto canestro di Tyus. Jeff Brooks dall’angolo realizza il 75-73, James trova punti in penetrazione e dopo aver quasi perso palla è la stella dell’Olimpia a pescare dal cilindro la tripla sulla sirena dei 24, 80-73 con meno di 3 minuti da giocare. Dopo il timeout è Alen Omic a sigillare il +9 con il lavoro spalle a canestro, il Maccabi tenta l’ultimo assalto con uno straordinario Wilbekin, Milano perde un pallone prezioso ma Tel-Aviv non ne approfitta, divorandosi da sotto il canestro del -2. A 16 secondi Nunnally guadagna la lunetta, 2/2 e +6 con ovvio minuto per coach Sfairopoulos. Ancora Wilbekin va a segno dall’angolo per il -3, Brooks è impreciso ai liberi ma è ininfluente: Milano batte il Maccabi 87-83 in una serata chiave per la corsa ai playoff, ribaltando anche la differenza canestri dopo la sconfitta di 2 punti della gara d’andata.

[pb-game id=”404966″]

Commenta