Milano fa tre su tre in campionato, battuta Pistoia 107-83

Milano fa tre su tre in campionato, battuta Pistoia 107-83

L'Olimpia si risparmia all'inizio, accelera nel finale ed ha la meglio su una combattiva Pistoia

E’ terzo successo in campionato per l’Olimpia Milano, battuta in casa l’OriOra Pistoia grazie al vantaggio costruito nei due quarti centrali. La squadra di Pianigiani limita gli sforzi e risparmia le energie, resistendo al tentativo di rimonta ospite nell’ultimo parziale, con gli uomini di Ramagli a rientrare sino al -4, senza riuscire però a completare l’aggancio. Ampie rotazioni per i campioni d’Italia, sono 5 gli uomini in doppia cifra nel successo 107-83.

Primi canestri del match per Kerron Johnson (doppia tripla) e Tarczewski, a chiudere il contropiede dopo la stoppata di Fontecchio. Krubally schiaccia per l’8-2 ospite, James si iscrive alla gara con i primi punti personali e l’assist per il piazzato di Brooks, trovato perfettamente libero nell’angolo. Johnson segna ancora dopo il recupero, Pistoia corre più di Milano e con Auda resta avanti, +7 a metà primo quarto. Della Valle segna con fallo, realizza dall’arco in arresto e tiro e l’Olimpia torna a contatto, merito anche di un positivo Burns. James inventa, Krubally si fa valere a rimbalzo d’attacco e con il lungo della nazionale arriva il primo vantaggio di casa, merito anche del play ex Pana che fa quello che vuole sul parquet, 26-24 dopo i primi 10 minuti.
Kerron Johnson raggiunge la doppia cifra personale con il 2+1 in avvio di secondo periodo, l’OriOra torna avanti ed il 35-30 porta la firma di Severini, dopo altri 4 punti per l’Americano di Pistoia. In tre minuti è solo Nedovic a muovere lo score per Milano, Krubally appoggia e costringe coach Pianigiani al secondo timeout consecutivo, sul -7 per la sua squadra. Il Serbo realizza dall’arco, perfeziona il recupero e lancia i suoi in transizione, con il tap-in correttivo di Burns dopo l’errore di Kuzminskas. Auda replica dall’altra parte, l’ex Cantù trova la sua seconda tripla di serata e l’AX ritrova la testa del match, 42-41 al 16’ con minuto chiamato dalla panchina Toscana. Il Lituano si fa perdonare e con 12 punti in rapida successione guida Milano sul +5 di metà gara, 53-48 per i padroni di casa.

[spbk-gallery post_id=”13570″]

Inizio di notevole impatto per Tarczewski ed è doppia cifra di vantaggio Olimpia, grazie anche a Brooks che risponde alla schiacciata di Dom Johnson. Krubally in acrobazia segna il 61-52, il centro dell’AX cancella l’ex Varese con la stoppata ed inchioda dall’altra parte, dominando in questo avvio di secondo tempo. Bertans dalla lunetta e con la tripla allunga sul +13, Peak realizza ma i bianco-rossi iniziano ad allontanarsi, 70-55 con 3 minuti da giocare nel terzo periodo. Martini segna nonostante l’ottima difesa su di lui, Dominique Johnson riporta Pistoia sul -11 con cui si chiude il quarto, 72-61.
Torna a segnare Kuzminskas, la squadra di Ramagli prova a ridurre lo svantaggio nei primi possessi e con la caparbietà di Martini, Bolpin e Severini ritorna a due possessi di distanza, approfittando del blocco offensivo della compagine di casa. Sul 76-72 il coach dei campioni di casa non può che fermare il gioco, al rientro in campo sono Fontecchio e Cinciarini a sbloccare Milano che torna rapidamente sul +13. James sveglia il Forum con due giocate per il 90-74, la vittoria è oramai in tasca ed il +19 del capitano spegne definitivamente le speranze ospiti. Kerron Johnson è l’ultimo ad arrendersi, l’Olimpia è però già lontana ed i tifosi Milanesi possono festeggiare l’imbattibilità in campionato, con Kuzminskas che martella la retina e permette a Milano di allungare ulteriormente: segna anche il giovane Musumeci, con 30 punti negli ultimi 7 minuti è 107-83 il finale per i padroni di casa.

[pb-game id=”399009″]

Commenta