Messina: Ho ritrovato un Paese senza etica e sfiduciato. Anche il basket fatica

Messina ha rilasciato una lunga intervista alla Stampa

Le parole di Ettore Messina in un’intervista con la Stampa.

Su come ha ritrovato l’Italia dopo il lungo periodo trascorso negli States: “Non voglio fare sociologia di basso livello, ma vedo gente arrabbiata, in difficoltà economica, non rappresentata dalla classe politica, in attesa di soluzioni che tardano ogni volta. Purtroppo la nostra etica è andata a farsi benedire e per ogni ‘sì’c’è sempre un ‘ma’”.

Sui possibili rimedi: “Difficile dirlo. Io sono un privilegiato, ma devo almeno svolgere il mio ruolo con serietà e professionalità, come contributo di solidarietà verso chi non è fortunato come me”

Meglio Euroleague o NBA?: “Splendide e utili entrambe, ma diversissime. L’importante è che l’una non cerchi di scimmiottare l’altra”

Dall’argento di Atene all’attuale crisi di risultati della nazionale: “Le cause sono tante. Ne dico soltanto una, emblematica: anni fa la Lega italiana stabilì che le squadre di vertice potevano anche non avere un settore giovanile. Questo è il risultato….I ragazzi di oggi sono
molto meno sicuri anche nella vita di tutti i giorni rispetto a 40-50 anni fa e hanno un sacco di dubbi, alimentati da una società che non li aiuta. In Italia poi lo sport nelle scuole è un disastro. Partire da lì sarebbe già un passo importante”

Commenta