Markovic e Mickey espugnano Podgorica, la fiammella del Khimki è ancora accesa

Courtesy of Getty Images
Courtesy of Getty Images

Prezioso successo esterno dei gialloblù che, in una partita più che mai tirata, sono lucidi nei minuti finali

La tripla di Stefan Markovic e la successiva persa del duo Cole-Jackson (direttamente da rimessa laterale) permettono al Khimki Moscow Region di espugnare Podgorica. 90-98 il finale, con il Buducnost VOLI che paga a caro prezzo le ingenuità finali mentre i moscoviti tengono accesa la fiammella della speranza di arrivare all’ottavo posto.

 

Partita sempre sul filo del rasoio, se si pensa che i padroni di casa “scappano” sul +6 in un paio di occasioni e il +8 ospite finale è il massimo vantaggio dei gialloblù. Più concreti in un finale comunque da film horror con tante triple sbagliate e palle perse finite anche in tribuna. La bomba di Markovic, però, è il vero spartiacque di una gara segnata anche dai giochi da tre punti di Jordan Mickey (25 punti, 9/12 dal campo) e in precedenza dai canestri di Charles Jenkins (17 punti, 5/8 dall’arco).

 

Buducnost recrimina proprio per le perse (saranno 12 a fine gara) e cade nonostante un Norris Cole da 20 punti (superata quota 500 in EuroLeague) e un Goga Bitadze sentenza sotto canestro (17 punti e 7 rimbalzi).

 

[pb-game id=” 404957″]

Commenta