Mario Simeoli: “In serie A immagino un campionato da 14-15 partecipanti”

Mario Simeoli: “In serie A immagino un campionato da 14-15 partecipanti”

In A2 darei spazio agli italiani e un solo straniero

Mario Simeoli, grande ex della Juvecaserta, ha rilasciato una intervista a Cronache di Caserta. Pubblichiamo alcune sue parole:

“Il movimento cestistico non stava attraversando un grande momento e l’emergenza legata al coronavirus non ha fatto che peggiorare le cose. Inevitabile da parte della Federazione interrompere le attività a tutti i livelli per una situazione che subito è diventata drammatica, ma tutto ciò ovviamente porta tanti scompensi negativi alle varie società di basket. Una situazione economica generale ora diffcile, che con impegno dovrà essere affrontata per migliorare le cose”.
Cosa potrà cambiare nei vari campionati?

“Resto dell’idea che la Lega A debba fare storia a parte per quel che concerne il tesseramento dei giocatori e la loro provenienza. Di certo, a mio avviso, al momento si dovrebbe puntare ad un campionato con 14/15 partecipanti, puntando solo su chi ha effettiva solidità. Per le altre categorie bisognerebbe rivedere qualcosa. In Legadue sarebbe
il tal caso di continuare a dare molto spazio agli italiani ricorrendo magari ad un solo straniero. Per la serie B ­si dovrà continuare con lo stesso meccanismo, mentre continuo a non comprendere le formule per i campionati di serie C. Sia per la Gold che per la Silver continuo a vedere squadre zeppe di stranieri e questa cosa per me ha poca logica”.

Commenta