Mantova espugna San Severo, l’Allianz perde 64-78

Mantova espugna San Severo, l’Allianz perde 64-78

78-64 il finale per Mantova

L’ottava giornata della Serie A2 Old Wild West vede l’Allianz Pazienza Cestistica Città di San Severo cedere tra le mura amiche del “Falcone e Borsellino” per 64-78 al cospetto della Pompea Mantova. L’assenza di Kennedy, out per dei punti di sutura al piede, è pesata come un macigno per l’Allianz, che ha patito oltremodo sotto le plance le giocate ospiti e le rotazioni ridotte. Ad inferire è stato anche un atteggiamento difensivo non proprio dei migliori, grazie al quale Ghersetti e compagni non hanno trovato grosse difficoltà realizzative.

Partenza contratta da parte di ambedue le squadre nei primi 5′ di gioco. San Severo si affida all’esperienza di Mortellaro sotto al canestro, è così che i gialloneri trovano punti importanti a dispetto degli avversari, che cercano ostinatamente soluzioni dalla lunga distanza. Al 10′ la Cestistica conduce 21-13.

Nonostante i punti di Demps, Mantova impatta meglio nella seconda frazione. Sul 23-18 del 12′ Cagnazzo chiede sospensione, i biancorossi continuano ad accorciare le distanze e torna in campo Mortellaro per l’Allianz. L’offensiva casalinga è confusionaria e Mantova trova il 23-23 al 25′. Le cose peggiorano con la difesa a zona sanseverese che conclude spazi sull’arco, da dove viene scoccata la tripla di Poggi che mette dietro San Severo. Saccaggi riporta avanti i gialloneri e coach Finelli al 18′ richiama i suoi in panchina sul 27-26. Ora è la squadra di coach Cagnazzo ad ostinarsi al tiro dalla lunga distanza, i biancorossi provano a prendere il largo ed al riposo lungo conducono 29-33.

Spanghero e Demps suonano la carica e la Cestistica cerca di tornare a contatto, ma la Pompea Mantova sa ben attaccare la difesa casalinga. Clarke e Visconti rispediscono i padroni casa sotto di 11 lunghezze, timeout inevitabile di Cagnazzo sul 39-50 del 26′. È troppo molle la difesa a fronte dispari dell’Allianz, Ghersetti la castiga ed al 28′ il punteggio è di 44-57. Mantova è in bonus ma San Severo non sa approfittarne e tutto peggiora con il terzo fallo commesso da Mortellaro mentre Lawson fa il bello ed il cattivo tempo. 49-62 è il punteggio sul quale termina il terzo quarto.

Ultima frazione di gioco in cui la Pompea Mantova cerca di amministrare il vantaggio nonostante i tentativi sanseveresi di riaprire le sorti del match. Il tempo però scorre e non gioca affatto a favore dei gialloneri, che non riescono a ricucire uno strappo che si aggira attorno ai cinque possessi. I titoli di coda scorrono già a 2’ dal termine della disputa. La quarta ed ultima sirena echeggia sul definitivo e pesante 64-78.

[pb-game id=”420459″]

Allianz Pazienza Cestistica San Severo – Pompea Mantova 64-78 (21-13, 8-20, 20-29, 15-16)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Del Demps 24 (4/5, 4/9), Chris Mortellaro 14 (5/8, 0/1), Andrea Saccaggi 9 (1/3, 0/8), Marco Spanghero 9 (3/8, 1/6), Emidio Di donato 5 (1/1, 1/4), Giacomo Maspero 3 (0/0, 1/1), Michele Antelli 0 (0/1, 0/0), Alberto Conti 0 (0/0, 0/0), Simone Angelucci 0 (0/1, 0/0), Alessio attilio Magnolia 0 (0/0, 0/0), Federico Fatone 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 17 – Rimbalzi: 32 8 + 24 (Chris Mortellaro 14) – Assist: 12 (Marco Spanghero 5)

Pompea Mantova: Kenny Lawson jr. 20 (8/12, 1/5), Rotnei Clarke 13 (4/7, 1/4), Mario jose Ghersetti 13 (4/6, 1/4), Tommaso Raspino 11 (1/3, 2/5), Riccardo Visconti 7 (2/2, 1/5), Giovanni Poggi 6 (1/3, 1/1), Lorenzo Maspero 6 (0/0, 2/5), Alessandro Vigori 2 (1/1, 0/0), Matteo Ferrara 0 (0/1, 0/0), Alvise Sarto 0 (0/0, 0/3)

Tiri liberi: 9 / 12 – Rimbalzi: 37 10 + 27 (Kenny Lawson jr., Tommaso Raspino 8) – Assist: 10 (Rotnei Clarke 4)

Commenta