Leonis attacca la Fiat Torino: Manca ancora una parte delle documentazioni richieste

Leonis attacca la Fiat Torino: Manca ancora una parte delle documentazioni richieste

Il club risponde: Il 6 febbraio abbiamo completato l’invio. Poi non abbiamo più saputo nulla

Come anticipato da Sportando nella tarda serata di martedì, la trattativa tra la Fiat Torino e il Gruppo Leonis è arrivato ad un punto morto.

Tuttosport, in un articolo a firma Giovanni Teppa, pubblica un comunicato del Gruppo capitanato da Danilo Angarella, attuale sponsor dell’Eurobasket Roma in A2: «A oggi non è stato possibile portare a termine le operazioni di “due diligence” contabile, fiscale e legale. Ciò a causa della mancanza di una parte qualificante della documentazione richiesta in modo esplicito: fino al 6 febbraio ultimo scorso, data dell’ultima comunicazione, alla quale risultava ancora insufficiente».

Una constatazione che suona come un affondo:  «Pertanto, appare chiara l’impossibilità di operare una verifica completa sulla floridità finanziaria della società Auxilium. Tuttavia Leonis Group reitera la propria intenzione di acquisto della società ma solo in presenza dei necessari presupposti (…)».

Maurizio Actis, amministratore delegato di Auxilium, ha immediatamente risposto: «Il Comunicato mi ha stupito, nei tempi e nei modi. Il 29 gennaio avevamo messo a disposizione oltre 1.300 file. Il 4 febbraio abbiamo ricevuto una nota in cui ci veniva chiesta altra documentazione. Il 6 abbiamo completato l’invio. Poi non abbiamo più saputo nulla».

Come riporta sempre Tuttosport, Maurizio Actis ha messo a disposizione la due diligence a Luciano Quattrocchio, professore dell’Università di Torino e dottore commercialista, indicato da Antonio Forni quale interlocutore con il Gruppo Leonis.

Commenta