Le parole di Magic Johnson: Jeanie non sa che sono qui. Voglio tornare ad essere quello di prima

Le parole di Magic Johnson: Jeanie non sa che sono qui. Voglio tornare ad essere quello di prima

Ecco l'intervento a sorpresa con la stampa prima della palla a due con Portland: Penso che lei che mi abbia dato il pieno potere di fare ciò che volevo e con lei io vorrò sempre preservare questo tipo di rapporto

Prima della palla a due con i Portland Trail Blazers, ultima gara della stagione, Magic Johnson ha rassegnato le dimissioni da presidente dei Los Angeles Lakers.

Ecco il suo intervento a sorpresa con la stampa, in cui ha dato l’annuncio: «Arrivavo qui e pensavo a quell’intervista, e ho anche pensato alle splendide riunioni che ho avuto con Jeanie negli ultimi due giorni. Sai, le voglio bene come a una sorella, e per questo voglio fare un passo indietro come presidente. Penso, non voglio che il nostro rapporto cambi, è così straordinario. Penso che lei che mi abbia dato il pieno potere di fare ciò che volevo e con lei io vorrò sempre preservare questo tipo di rapporto. Però credo di essere più adatto per un altro ruolo, magari quello di fratello maggiore, quello di ambasciatore di tutti. Voglio tornare a divertirmi, voglio tornare ad essere quello che ero prima di cominciare questo lavoro. Siamo a metà strada con l’arrivo di LeBron in estate, penso che un altro grande acquisto nella prossima estate possa far diventare questa squadra una squadra in grado di lottare per il campionato. Con la crescita anche dei giovani giocatori».

E poi il colpo di scena, l’ammissione di aver rassegnato le dimissioni alla stampa, prima che al club stesso: «Jeanie non sa che sono qui perchè sapevo che avrei pianto come un bambino di fronte a lei. E sto per piangere anche ora. Ma è la cosa giusta da fare».

Commenta