#LBAF8 – La Happy Casa Brindisi supera nel finale Sassari e vola in finale

#LBAF8 – La Happy Casa Brindisi supera nel finale Sassari e vola in finale

Brindisi raggiunge in finale Cremona dopo aver superato Sassari col punteggio di 86-87

La Happy Casa Brindisi batte il Banco di Sardegna Sassari per 86-87 ed è la seconda finalista della Postemobile #LBAF8 2019.

 

1° Quarto:

Pronti via, tripla di Jeremy Chappell, Justin Carter e Riccardo Moraschini, 3-6.

John Brown dalla media ribatte al lay up di Polnara, 5-8 dopo 2′.

Bella serie di canestri in continuità su entrambi i fronti d’attacco. Gaffney vola a schiacciare ad una mano, per Sassari invece Polonara e Pierre spingono il Banco sul 15-12.

Moraschini, Smith e Chappell colpiscono a ripetizione da oltre l’arco, 18-18 al 6′.

Attacchi che sfiorano il 100% Brown corregge in schiacciata al volo un errore di Banks. Sul ribaltamento di fronte Sassari segna due volte con Smith e Pierre. Timeout Brindisi sul 22-20 a 3’21” dal termine del primo quarto.

Partita bellissima e dai ritmi elevati, gli attacchi di Sassari e Brindisi riescono a trovare costantemente il migliore finalizzatore dell’azione.

John Brown vola ovunque ad arpionare palloni e segna due canestri consecutivi che valgono il +4 ospite, 26-30, al 9′.

Thomas trova il canestro dopo dopo i suoi due errori in lunetta.

Chappell fissa sul 28-32 Brindisi il punteggio al termine del primo quarto.

 

2° Quarto:

In avvio di seconda frazione Achille Polonara riesce a correggere in tap in la conclusione del proprio compagno.

Brown e Rush realizzano 4 punti consecutivi che lanciano la Happy Casa sul +6, dall’altra parte Chappell commette fallo sul tentativo dall’arco di McGee. In lunetta il n° 2 della Dinamo non fallisce, 33-36.

Brindisi cerca insistentemente Moraschini con successo. Cooley è un fattore a rimbalzo d’attacco per Sassari e mantiene la formazione di Pozzecco sul -3.

Erik Rush buca la difesa del Banco ed appoggia comodamente al tabellone il canestro del 35-40 al 13′.

Ottima uscita dal blocco per McGee che piazza la tripla, 38-40.

Con Sassari in bonus, Banks si guadagna una tornata in lunetta che sfrutta con un 2/2.

Le percentuali sono calate nettamente rispetto alla fase iniziale del match, Thomas e Pierre accorciano lo svantaggio della Dinamo sul nuovo -1al 16′, 41-42.

Il rientro di Brown in campo offre un nuovo scatto di atletismo all’Happy Casa, la sua schiacciata ed i seguenti lay up + tripla di Chappell valgono il nuovo +8, 41-49.

Sassari rompe il digiuno di canestri con la tripla di Smith successiva al canestro in avvicinamento di Chappell imbeccato alla perfezione da Moraschini.

Quest’ultimo si guadagna il fallo sul proprio tiro in allontanamento ma dalla lunetta fa 1/ 2, 44-52 al 19′.

Movimenti offensivi con tempismi perfetti. Brindisi gioca bene sull’asse Moraschini/Brown. L’americano dell’Happy casa mette a frutto un’altra tornata in lunetta.

Pierre realizza per Sassari il 46-54 con cui termina il secondo quarto in favore di Brindisi.

 

3° Quarto: 5-0 di marca Adrian Banks nell’avvio di ripresa della Happy Casa Brindisi.

Cooley e Pierre replicano a Brown, Sassari a -13, 50-63.

Lotta senza quartiere nelle aree pitturate di Brindisi e Sassari, Brown e Cooley danno vita ad un duello rude con e senza palla.

Dopo la tripla dall’algolo di Gaffney sono Cooley e Pierre, per Sassari, a muovere nuovamente il tabellino, 53-66 al 26′.

Bel canestro di di Banks con il giro sul perno in allontanamento. Cooley e Banks si alternano al tiro dalla linea della carità ed il vantaggio dell’Happy Casa si mantiene sul +14, 55-69 al 27′.

Sassari manca il guizzo per accorciare il divario e rientrare in partita, ma anche Brindisi fallisce un paio di facili conclusioni con Rush. Il punteggio è di 60-71 dopo i tiri liberi di Carter.

La tripla di fine terzo quarto di Moraschini fissa il punteggio sul 60-74 per Brindisi.

 

4° Quarto:

Thomas sfrutta lo spazio a rimbalzo creato da Cooley e segna da sotto canestro.

Walker subisce fallo sul tentativo di tripla dall’angolo, 2/3 in lunetta, 62-76.

Tanti errori al tiro nella fase iniziale del quarto, Sassari costruisce un mini parziale di 4-0 che riduce il proprio distacco a 10punti, 66-76. Timeout per coach Vitucci.

Brindisi continua a litigare con il ferro e la Dinamo prova a prendere coraggio con la tripla sulla sirena dei 24” di Smith.

Banks in lunetta va 1/ 2, Thomas dall’altra parte fallisce la conclusione e subito dopo commette il suo 5° fallo su Moraschini.

L’italiano dell’Happy Casa non sbaglia in lunetta e riporta il vantaggio dei suoi a +10 al 35′, 69-79.

Dopo l’1/ 2 di Brown dall lunetta, il Banco risale a -6 con la tripla di Carter.

Due falli tecnici sazionati a Sassari, uno a Pozzecco e l’altro a Pierre. Moraschini va 2/4 in lunetta, Carter mantiene Sassari in linea di galleggiamento, 76-82 al 37′.

Le sportellate a rimbalzo d’attacco pizzicano il 3° fallo di Cooley. Brindisi trova la tripla fondamentale di Chappell dopo la precedente di Smith per la Dinamo.

Cooley fa 2/2 in lunetta, Carter 1/ 2, 81-87 Brindisi a 45” dalla sirena.

La Happy Casa sciupa l’occasione di segnare il canestro che potrebbe chiudere il match, ma invece consegna palla a Polonara che si invola a subire il fallo di Gaffney.

L’ala del Banco di Sardegna fa 1/ 2, Brindisi perde palla sulla ripartenza ma McGee fallisce la tripla del -2.

Pierre manda in lunetta Chappell, la palla scotta, l’americano di Brindisi fa 0/2 e commette il suo 5° fallo su Carter. In lunetta Carter non sbaglia, 84-87 Brindisi con 10 “da giocare.

Finale thrilling, Brindisi perde palla dalla rimessa, Sassari sbaglia la tripla ma il tiro viene corretto in tap in.

La tripla della disperazione di Sassari, dopo aver nuovamente conquistato palla dalla rimessa, cade nel vuoto.

Brindisi vince 86-87 e raggiunge Cremona in finale.

 

Tabellino

Banco di Sardegna Sassari: Spissu, Smith 16, McGee 8, Carter 18, Devecchi ne, Magro ne, Pierre 16, Gentile, Thomas 7, Polonara 8, Diop ne, Cooley 13.

Happy Casa Brindisi: Banks 15, Brown 20, Rush 5, Gaffney 9, Zanelli, Calamo ne, Moraschini 18, Walker 2, Cazzolato ne, Wojciechowski, Chappell 18, Taddeo ne.

Commenta