LBA Serie A, il punto di Sportando | Fuori luogo è l’Auxilium Torino o i Comunicati di FIP e LBA?

LBA Serie A, il punto di Sportando | Fuori luogo è l’Auxilium Torino o i Comunicati di FIP e LBA?

Nel nostro appuntamento del lunedì parliamo anche di Gianmarco Pozzecco e della Virtus Segafredo Bologna

Torna il punto di Sportando, appuntamento fisso dell’ora di pranzo del lunedì per parlare del ventottesimo turno di LBA andato in archivio, e non solo.

BANCO DI SARDEGNA SASSARI

Girone di ritorno da 8 vittorie e 5 sconfitte dopo un avvio da 1-5. Queste 7 vittorie in fila sono il capolavoro di Gianmarco Pozzecco, finalmente non più mera occasione per la stampa nazionale (e non) di strappare qualche sana risata ai lettori (dal giorno del suo ritiro dal basket giocato), ma protagonista del nostro massimo campionato per meriti sul campo. E allora, dalla camicia strappata siamo anche all’espulsione «provvidenziale» per gli stessi giocatori.

Realtà è che Sassari è squadra ben costruita, rilanciata dalla capacità di coach Gianmarco Pozzecco. Che non è più solo Poz.

FIAT TORINO

Assemblea di Lega nella giornata odierna per parlare anche e soprattutto di Auxilium Torino. Le società sono allarmate, e leggendo le parole di Massimo Feira a Tuttosport ne hanno ogni ragione. «Verificato con Terzolo che non c’era più possibilità abbiamo contattato l’agente Federico Paci». «Ci ha risposto che un problema era risolto e l’altro in via di risoluzione». «Su Cantù non conosco il passato, ma fino ad ottobre i controlli Comtec non avevano rivelato nulla».

Ecco, chi doveva salvare la Fiat Torino non ha trovato soluzioni, ha quindi chiamato chi ha rischiato di far sparire Cantù e riparte da generiche rassicurazioni del diretto interessato (che peraltro non si capisce che mire abbia visto che ha sganciato i soldi ma per molti ora sarà ridimensionato… ridimensionato da chi?). Chiudere il tutto con: «ritengo i comunicato di FIP e LBA un po’ fuori luogo» ci pare, questo sì, un po’ fuori luogo.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

La tripla di Luca Vitali lascerà le «V nere» fuori dai playoff per il secondo anno in fila. Al netto delle Final Four di Champions League, un fallimento reale.

Un anno fa certi disordini parevano figli del pre e post-Zanetti, con due anime costrette a convivere fino al naturale soccombere di quella più debole.

Ma il fagocitare non ha sortito gli effetti sperati. L’attuale società ha scelto ogni singola componente dirigenziale minando prima la direzione sportiva di Marco Martelli, poi la gestione di Alessandro Dalla Salda, quindi la panchina di Pino Sacripanti.

Servono scelte chiare e una società snella, e l’incarico al duo Paolo RonciSasha Djordjevic pare andare in questa direzione. Sperando che il tutto venga difeso al primo soffio di vento: insomma, Luca Baraldi sia anche e soprattutto consigliere con massima responsabilità, non solo organo giudicante.

Commenta